Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Materie di Scuola > Psicologia



Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio Dove trovare un vaso con scarico dritto per eliminare tubo a S?  26-02, 16:16  karol  1  23829   Idraulica
Vecchio Le valvole antireflusso evitano reflusso proveniente dal WC?  26-02, 09:16  Marsilio  1  18632   Idraulica
Vecchio Il welfare puo contribuire all'evoluzione del liberalismo?  25-02, 20:00  insu  1  21404   Economia
Vecchio Cosa indica la variazione di energia libera in un processo?  25-02, 19:02  Abramo  1  15691   Chimica
Vecchio La richiesta del recupero retroattivo ore perse è normata?  24-02, 19:01  Luigia  1  201   Scuola in generale
Vecchio In cosa consiste la costante di velocità di reazione chimica?  24-02, 12:13  manuel  1  15274   Chimica
Vecchio Quali passaggi fare per risolvere il caso "Datafile Spa"?  24-02, 09:05  Adam  1  21658   Economia
Vecchio Cos'è quel "Santa" nella canzone "I ga el suv" di DJ Ice?  22-02, 16:32  roberto  1  13300   Film, Libri, Musica
Vecchio Quali malattie portano a temperatura alta e frequenza cardiaca bassa?  18-02, 18:25  Edith  1  11530   Medicina
Vecchio Come dimensionare pompe impianto a portata variabile a tre gradini?  18-02, 08:46  karol  1  9383   Idraulica

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 01-07-2010, 01:56 AM
Member
 
Registrato dal: Jan 2010
Messaggi: 26
predefinito I risvolti psicologici del non amare di essere contraddetti

I risvolti psicologici del non amare di essere contraddetti


A volte capita di assistere a dei dibattiti fra personaggi politici dove è un continuo contraddirsi, senza che nessuno degli interlocutori perda più di tanto il suo aplomb. Però ciò avviene solo fra interlocutori che sanno che ciò che dicono non è un loro capriccio ma rappresenta l'idea di un "partito". E in questo caso si verifica una certa spersonalizzazione dello "scontro": non più fra persone ma fra posizioni di diversi partiti.

Sembra irrilevante ma questo fatto ha delle implicanze e risvolti a livello psicologico secondo me molto importanti.
Se difatti andiamo vedere i comportamenti della gente comune, fra cui mi ci metto anch'io, ci accorgiamo che l'atmosfera che si crea quando si affrontano certi argomenti fra persone che la pensano diversamente è molto meno "serena" di quello che si crea fra professionisti della politica.

Il motivo di questo secondo me è che, mentre fra i politici la figura "individuale" di chi parla ha l'appoggio dietro di tutto un partito e questo è il garante delle posizioni che uno esprime, e che può esprimere in piena libertà, fra le persone "normali" che fanno di tutto per non sembrare appartenenti a fazioni diverse, il parlare apertamente di fronte agli altri delle proprie posizioni politiche sarebbe motivo di disagio perché si romperebbe l'omogeneità del "gruppo".

Questo porterebbe alla formazione immediata di fazioni. Però la cosa peggiore sarebbe che in tali fazioni nessuno potrebbe scaricare la responsabilità delle proprie affermazioni su un partito, ma se ne dovrebbe assumere in prima persona la paternità. Con la conseguenza che sentirsi contraddetti non risulterebbe accettabile in quanto non verrebbe contraddetta la linea di un partito ma la legittimità di poter esprimere posizioni di un partito diverso.

Volendo andare ancora più a fondo si potrebbe dire che il "partito" è legittimato dall'essere "fazione" dalla sua stessa natura: cioè tendere al consenso e al "potere"; anche se in ultima istanza poi il suo scopo è sempre quello di cambiare in meglio le sorti di un paese.

La persona che invece parla di politica non ha questa legittimazione della conquista del potere, ma può solo esserlo per il cambiamento in meglio delle sorti del suo paese.
Sotto questo aspetto perciò ogni affermazione tesa a questo scopo rappresenterà una verità assoluta e non criticabile in quanto espressione
di quella verità che scaturisce da una persona e dalla sua psiche.
E come sappiamo la psicologia non ci offre verità oggettive ma soggettive e come tali "assolute" e insindacabili, o almeno cosi vengono percepite da tutti.

La conclusione di tutto il discorso è che solo i policiti di professione sono "abilitati" a parlare di politica, mentre a tutti noi rimane ben poco spazio per partecipare al dibattito.

Comunque questo non è un auspicio, ma solo il riconoscimento di un fatto e di una impossibilità oggettiva di partecipazione.

Ciao
Giovanni
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 12-16-2017, 07:21 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Dec 2017
Messaggi: 15
predefinito

Questa è una cazzata. Noi siamo obbligati dalla Costituzione a partecipare ai processi decisionali, infatti, votare è un diritto/dovere.




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Calcolare solubilità del AgCl in soluzione AgNO3 nota la costante ariekazy Chimica 1 03-03-2023 08:53 AM
Come progredire con l'apprendimento della lingua inglese da autodidatta? Boes Inglese 3 02-07-2023 08:56 AM
E' giusto paragonare la Coca Cola nel sostituire un buon vino? andreaperri Cucina 6 10-29-2021 05:38 PM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 02:18 AM.


© Copyright 2008-2022 powered by sitiweb.re - P.IVA 02309010359 - Privacy policy - Cookie policy e impostazioni cookie