Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Materie di Scuola > Chimica



Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio Dove trovare un vaso con scarico dritto per eliminare tubo a S?  26-02, 16:16  karol  1  23833   Idraulica
Vecchio Le valvole antireflusso evitano reflusso proveniente dal WC?  26-02, 09:16  Marsilio  1  18632   Idraulica
Vecchio Il welfare puo contribuire all'evoluzione del liberalismo?  25-02, 20:00  insu  1  21404   Economia
Vecchio Cosa indica la variazione di energia libera in un processo?  25-02, 19:02  Abramo  1  15691   Chimica
Vecchio La richiesta del recupero retroattivo ore perse è normata?  24-02, 19:01  Luigia  1  201   Scuola in generale
Vecchio In cosa consiste la costante di velocità di reazione chimica?  24-02, 12:13  manuel  1  15274   Chimica
Vecchio Quali passaggi fare per risolvere il caso "Datafile Spa"?  24-02, 09:05  Adam  1  21658   Economia
Vecchio Cos'è quel "Santa" nella canzone "I ga el suv" di DJ Ice?  22-02, 16:32  roberto  1  13300   Film, Libri, Musica
Vecchio Quali malattie portano a temperatura alta e frequenza cardiaca bassa?  18-02, 18:25  Edith  1  11530   Medicina
Vecchio Come dimensionare pompe impianto a portata variabile a tre gradini?  18-02, 08:46  karol  1  9383   Idraulica

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 03-17-2011, 10:11 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2011
Messaggi: 1
predefinito Concetto di tensione superficiale e la relazione di Kelvin

Concetto di tensione superficiale e la relazione di Kelvin


Buongiorno a tutti,

Mi chiamo Federico, sono un nuovo utente del Forum e desideravo sottoporvi un quesito circa il passaggio allo stato di vapore di gocce di un liquido – prendiamo ad esempio l’acqua.

Per la relazione di Lord Kelvin, si dice che la tensione di vapore di piccole gocce di liquido sia maggiore della tensione di vapore “standard” dello stesso liquido quand’esso sia disposto a formare una superficie piana (o meglio, quand’esso sia disposto in una maniera tale che la sua superficie d’interfaccia delimitante il bulk sia piana).

Vi richiamo questa relazione:
Pv,goccia = Pv,o exp((2 V gamma) / (R T r))

dove:
Pv,goccia : è la tensione di vapore corrispondente alla goccia
Pv,o : è la tensione di vapore standard del liquido ad una determinata temperatura e pression
V : è il volume molare del liquido
gamma : è la tensione superficiale del liquido
R : è la costante dei gas
T : è la temperatura assoluta del liquido
r : è il raggio della goccia.

Potete anche trovare un breve richiamo su questa relazione in wikipedia.

Il senso di quanto asserito dalla relazione di Kelvin si può secondo me intuire – come peraltro si trova nel commento di molte trattazioni di questo argomento – pensando al fatto che una sferetta di liquido presenti un minore stato di “confinamento” delle particelle superficiali, le quali contraggono un minor numero di legami con quelle interne a causa della curvatura della superficie. Di qui la tensione di vapore più alta, ovvero un maggior flusso di molecole che tendono a passare allo stato di vapore rispetto a quanto avverrebbe con un’interfaccia piatta a parità di pressione e temperatura esterne.
Ok.

La mia domanda è quindi la seguente.
È quindi corretto secondo Voi pensare che una sferetta (o goccia che dir si voglia) d’acqua - posta all’interno di un ambiente alla pressione P - se riscaldata, passi allo stato di vapore ad una temperatura più bassa rispetto al liquido ”standard”?

Articolo il mio quesito con un piccolo esempio.

Consideriamo una goccina d’acqua di con raggio r=0.5mm.
Supponiamo ad esempio che questa si trovi in un recipiente a pressione P=101325 Pa (circa 1 atm) ed ad una temperatura iniziale di – diciamo – 20 °C.
Alla temperatura di 20°C la tensione di vapore dell’acqua “standard” all’equilibrio con il suo vapore Psat,o=2329 Pa circa (da diagramma PV acqua), e applicando la correzione di Lord Kelvin si trova che la tensione di vapore del liquido all’equilibrio con il suo vapore per la goccia di raggio r è circa Psat,goccia= 20650 Pa circa.
Quindi, la goccia si forma ed è stabile, in quanto la tensione di vapore ad essa associata, anche se maggiore di quella del liquido standard, è comunque inferiore alla pressione del recipiente.

Scaldiamo ora il recipiente.

Quando il recipiente arriva a circa 57 °C ecco che la tensione di vapore della goccia d’acqua raggiunge il valore di circa 102000 Pa (applicando la relazione di Kelvin) e qui mi aspetto che la goccia inizi ad evaporare – la tensione di vapore associata alla sua curvatura è quindi uguale alla tensione esterna.
L’acqua “standard” invece in un recipiente alla stessa pressione (1 atm), com’è noto, avrebbe iniziato il passaggio allo stato di vapore a T= 100°C .

E’ corretto il ragionamento?
E’ vero che una goccia d’acqua a parità di pressione, evapora ad una T minore del liquido “standard”?

Scusate per essere stato prolisso, grazie a chi avrà il modo di chiarire questo mio dubbio e per ogni eventuale domanda sui conti/numeri non esitate a chiedere.

Un saluto e buona giornata a tutti,
Federico
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 01-22-2024, 07:32 PM
Member
 
Registrato dal: Jun 2007
Messaggi: 97
predefinito

Ciao,

il tuo ragionamento è corretto, e hai compreso correttamente il concetto di tensione superficiale e la relazione di Kelvin nel contesto dell'evaporazione delle gocce di liquido. La tensione superficiale tende ad aumentare la tensione di vapore delle gocce rispetto al liquido standard, e questo può influenzare la temperatura alla quale la goccia inizia a evaporare.

Nel tuo esempio, hai correttamente calcolato la tensione di vapore della goccia ad una temperatura di 57 °C e confrontato tale valore con la pressione esterna del recipiente. Quando la tensione di vapore della goccia raggiunge il valore di circa 102000 Pa, la goccia inizia ad evaporare, poiché ora è uguale alla pressione esterna.

Quindi, sì, è vero che una goccia d'acqua, a parità di pressione esterna, può evaporare ad una temperatura inferiore rispetto al liquido standard a causa della maggiore tensione di vapore dovuta alla sua curvatura. Questo principio è alla base di fenomeni come la nucleazione e l'evaporazione delle gocce in condizioni di pressione e temperatura variabili.




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Come calcolare massa molare e formula molecolare idrocarburo? harsan Chimica 1 10-28-2023 01:14 PM
Come spiegare concetti su tensione di vapore ed ebollizione? MioDiMia Chimica 1 10-23-2023 09:24 AM
Come calcolare volume NaClO3 per preparare CaSnO3 con resa 75%? sahul Chimica 1 10-17-2023 08:29 AM
Come trovare le masse in una miscela di Na2CO3 e di NaHCO3? Ele93 Chimica 1 07-26-2023 01:51 PM
Come calcolare pOH e pH delle soluzioni di CH3COOH e CH3COONa? rebe Chimica 1 05-22-2023 05:40 PM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 03:24 AM.


© Copyright 2008-2022 powered by sitiweb.re - P.IVA 02309010359 - Privacy policy - Cookie policy e impostazioni cookie