Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Materie di Scuola > Italiano & Letteratura italiana

scuola web agency reggio emilia

Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio Qualcuno ha avuto esperienze con la terapia Sutent?  22-06, 17:04  Antonia  12940  4618713   Medicina
Vecchio ricetta per insalata estiva?  21-06, 17:37  viv  11  531   Cucina
Vecchio Il tempo pieno può essere obbligatorio?  12-06, 16:57  fastidioso  4  1040   Scuola in generale
Vecchio Bocciato 3 volte... e ora ??  11-06, 23:15  Forty9669  2  181   Scuola in generale
Vecchio salmone d'allevamento...... io lo mangio e voi?  21-05, 22:35  Sophi  2  685   Cucina
Vecchio Le perle della Costiera Amalfitana  17-05, 12:40  marco  6  16558   Viaggi
Vecchio Panino Giusto  16-05, 13:07  viv  7  4482   Cucina
Vecchio Ho due piante di Limone: qualcuno mi consiglia sul dafarsi?  16-05, 12:54  viv  15  25852   Animali, Fiori, Piante
Vecchio Pianta carnivora facile da coltivare?  16-05, 12:48  viv  3  4892   Animali, Fiori, Piante
Vecchio L'insegnamento della religione cristiana nelle scuole  16-05, 12:42  viv  5  700   Cristianesimo

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 08-21-2016, 12:01 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Aug 2016
Messaggi: 1
predefinito Identità individuale Pirandello

Identità individuale Pirandello


Ciao ragazzi sono nuovo di questo forum e per presentarmi vi presento subito un dubbio che mi preme chiarire perché decisamente importante per tutta l'analisi dell'opera pirandelliana, ovvero, in che cosa consiste il concetto di negazione dell'identità individuale secondo Pirandello?
Cioè, essa di per sé non esiste perché è una costruzione fittizia della nostra visione soggettiva della realtà e il frutto del tentativo della società di circoscrivere la nostra mutevole personalità in una “forma” definita, o la frantumazione dell’io è dovuta alle molteplici maschere che indossiamo nei vari contesti sociali, ad una pluralità dell’io che fa di noi un “nessuno”?
E dire “forma” e “maschera” è la stessa cosa o esprimono concetti leggermente diversi?
Grazie mille e spero in futuro di potermi rendere utile anch'io mettendo a disposizione le mie conoscenze
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 09-02-2016, 12:29 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Sep 2016
Messaggi: 1
predefinito

Caro Albi,

il concetto in merito al quale poni la domanda è piuttosto centrale in tutta l'opera di questo autore. Non so quali siano le tue conoscenze filosofiche e se fanno parte del percorso di studi che stai seguendo (o hai seguito), ma è bene tener presente il legame forte che Pirandello instaura con l'opera filosofica di Henri Bergson: il tempo scorre, fluisce velocemente, e l'uomo è imprigionato in questo vortice. L'autore siciliano, però, reinterpreta in chiave sociale le teorie bergsoniane (vedi slancio vitale se vuoi maggiori informazioni), criticando una società piccolo-borghese, arricchita, contraddittoria e falsa. Non mi dilungo in spiegazioni ulteriori, per venire a una risposta alla domanda sulla differenziazione fra forma e maschera. Non sono la stessa cosa, e non sono termini utilizzabili come sinonimi. Le forme sono le costrizioni che la società obbliga gli uomini a rispettare, le maschere sono le finte identità di questi ultimi che, non potendo essere se stessi, "acquistano" un'altra identità, falsa, per guadagnarsi un posto nel mondo.

A presto




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo



Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 05:38 AM.


© Copyright 2015 by ghisirds.com - P.IVA 02309010359 - Privacy Policy - Cookie Policy