Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Materie di Scuola > Filosofia


Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio DOLORE AL GINOCCHIO  31-05, 16:52  luca100  5  3870   Medicina
Vecchio Come fare ricorso al Sirio Rita per multa ZTL a Bologna?  31-05, 16:13  Giac  11  47194   Auto, Moto, Motori
Vecchio Perchè ci si sposa di meno?  31-05, 16:12  Giac  5  5407   Off Topic
Vecchio del mangiare e bere bene. questione Coca Cola.  31-05, 16:10  Giac  5  30904   Cucina
Vecchio salmone d'allevamento...... io lo mangio e voi?  31-05, 16:07  Giac  7  6260   Cucina
Vecchio Come progredire con l'apprendimento della lingua inglese da autodidatta?  31-05, 16:06  Giac  3  2772   Inglese
Vecchio Eccovi un video YouTube dove ci sono io che impenno in Bmx  31-05, 16:03  Giac  7  26783   Bici
Vecchio che caffè bevete?  31-05, 16:02  Giac  24  17953   Cucina
Vecchio La frutta e verdura è meglio mangiarla con o senza buccia?  31-05, 16:01  Giac  26  50663   Cucina
Vecchio Le lingue più parlate al mondo  31-05, 16:00  Giac  23  36701   Viaggi

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 11-11-2019, 10:26 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Nov 2019
Messaggi: 2
Question Un aiuto filosofico... ci sbatto la testa da molto tempo.

Un aiuto filosofico... ci sbatto la testa da molto tempo.


Ciao a tutti...
Cavolo, ma di forum sulla filosofia in giro su Internet non se ne trovano più... sono tutti chiusi... cosa diavolo è successo?
Comunque, sono contento d'essere arrivato qui.
Mi sapreste aiutare su una questione filosofica che m'affligge da tempo e che non trova ancora risposta?
L'assunto da cui parto è questo: la morale è frutto di un sentimento umano d'empatia, non di regole prescritte, altrimenti è finzione pura.
Eppure, la morale serve all'uomo anche per poterla trasgredire. Ogni essere umano non è completo a sè stesso se non sfoga la sua egoistica voglia di trasgredire ciò che EGLI STESSO considera "Bene".
Verrebbe facile accomunare il mio pensiero ai romantici ottocenteschi e soprattutto ai decadenti, facilissimo accostarlo a Nietzsche. Lo so.
Nietzsche, però, mi casca su una sola cosa: per lui ogni manifestazione di empatia umana non è naturale... mentre per me lo è eccome.
La mia idea, quindi, NON E' che l'uomo ha bisogno di "regole da trasgredire"... l'uomo ha bisogno di TRASGREDIRE SE' STESSO, la propria empatia, la propria coscienza del "Bene"...
Un esempio facile facile: l'uomo/la donna tradiscono il proprio partner e lo fanno con maggior godimento quando è più profonda la ribellione alla propria coscienza, quando l'egoismo ed il "Male" che si potrebbe provocare nel partner è alla massima potenza. E' proprio una liberazione, liberare il proprio ego strozzato NON DA REGOLE CIVILI IMPOSTE, ma dal proprio lato empatico!!!
Per me l'essere umano è destinato a barcamenarsi eternamente tra questi due estremi.
Insomma, per tagliare corto, l'uomo HA BISOGNO DI UNA PROPRIA MORALE SENTIMENTALE ANCHE PER TRASGREDIRLA DEL TUTTO.
Chi non concepisce alcuna morale automaticamente NON VIVRA' IL PIACERE DEL PROIBITO, per un "immoralista" qualsiasi atto è coerente e quindi non comporta questa OPPOSIZIONE nella quale io credo fortemente.
Paradossalmente, più hai sensibilità "morale" (empatica) verso il prossimo, più quindi hai BEN SALDI i tuoi sentimenti umani, più avrai il desiderio di reagirgli contro prima o poi. Magari, dopo, portandoti addosso sensi di colpa.
E' come dire che si ha bisogno di una dittatura per potersi sentire trasgressore e uomo al 100%... nel mio caso, però, la dittatura non sono regole imposte dall'alto, ma semplicemente la propria coscienza umana (che, a mio parere, è molto più severa di qualsiasi imposizione).

Io questa linea di pensiero non l'ho mai ritrovata nemmeno nei decadenti, nemmeno in Nietzsche, quasi sempre ho trovato filosofi che predicavano l'immoralità o l'a-moralità, quindi implicando che ogni gesto "vitalistico" ed egoistico fosse coerente con sé stessi e con la propria natura non empatica... che è un po' ciò che dice Nietzsche. Quindi, per essi, nessun piacere AGGIUNTIVO nel trasgredire alle proprie sensibilità empatiche, capite?

Se riuscite ad indirizzarmi verso filosofi che sono più vicini al mio modo di pensare, ve ne sarò grato.
E' difficile, perché io stesso in anni ed anni di ricerca filosofica non ho trovato alcunché... di certo nulla nei filosofi pre-ottocenteschi, che fossero spiritualisti o razionalisti, men che meno negli idealisti alla Hegel, al massimo ho provato attrazione per la filosofia decadente e - ribadisco - Nietzsche, sono disegualitario e convinto che in Natura non esistano nemmeno giustizia od altri sentimenti del tutto umani (e perciò limitati, la Natura per me è roba divina, illimitata, le cui regole non conosceremo mai)... ma anche nel decadentismo di quel tipo, manca quest'analisi della "trasgressione verso la propria empatia", loro tagliano corto eliminando la morale come se fosse solo un insieme di regole e non un sentimento empatico.

Dateme 'na mano!!!
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 04-05-2020, 10:14 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Apr 2020
ubicazione: Riccione
Messaggi: 2
predefinito

Ciao Gianmaria, sono una sociologa, ma mi appassiona molto la filosofia e la psicologia...ma non capisco in che cosa vuoi essere aiutato, perché cerchi un filosofo che si avvicini alla tua teoria?? Per che cosa ti serve nello specifico? Forse ti potrei aiutare.
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 05-01-2020, 03:01 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Nov 2019
Messaggi: 2
predefinito

Lo cerco da sempre, perché io - da quel che ho scritto si capisce facilmente - mi sento in totale contraddizione con me stesso.
Uno che ha bisogno del diniego morale (o, anche peggio, dei propri freni empatici) per poterlo trasgredire, cavolo, è un rebus...
Questa mia caratteristica m'ha sempre confuso in tutte le scelte che ho fatto.
In politica, ad esempio: conservatori moralisti no, perché quelli vogliono davvero la mortificazione del corpo (e ce ne sono anche a sinistra, peraltro); libertari però nemmeno, perché lassisti, relativisti, razionali e lineari, non concepirebbero mai il diniego di un "diritto"... inoltre, la mia immaginazione (in questo caso erotica) si fa più "alta" proprio perché non c'è nulla di più stuzzicante della sconfitta di un ostacolo... ma, allora, il mio è un vero e proprio inno al tradimento, non alla libertà sessuale!!!
L'eros è il primo esempio che mi è venuto in mente, potremmo farne mille altri.
Nietzsche è stato l'unico filosofo che s'è avvicinato al mio modo di vedere la vita, essendo lui un irrazionalista, vitalista, a-moralista, soprattutto disegualitario, ed io - per quanto possa auspicare "diritti umani per tutti" - non credo molto ai diritti, io credo di più alle doti innate...
Ma Nietzsche non m'ha soddisfatto su un solo punto: lui sembra non concepire sentimenti empatici. Li cestina come "inutili debolezze", li trova persino innaturali... confonde un sentimento (che per me è naturale per forza di cose) con la morale...
Perciò, non può soddisfarmi se io vivo di sentimenti empatici e, al contempo, però sono attratto dalla trasgressione della mia stessa empatia!!!
Giuro che ho cercato ovunque, e sono anni che cerco...
Tu forse mi staresti per dire: <<ma sii te stesso e basta, che bisogno hai di definirti?>>
Non è così semplice.
Innanzitutto non mi piace la solitudine che questo mio modo di essere mi comporta. Sicuramente c'è altra gente che sente le stesse cose che sento io, assolutamente, ma se non la trovo sai cosa succede? Che il mio "caso" verrà derubricato come "perversione" e basta.
Non sto sul lettino di un analista... io non credo che la mia contraddizione morale sia solo una "perversione"... o meglio, anche fosse una "perversione", per me rimane del tutto umana e naturale: per me il mondo funziona proprio così!!! Quindi questa "perversione" e contraddizione è la mia spiegazione del mondo.
E' ovvio che sarei curioso di "collocarmi", di trovare "padri putativi", di non dover sempre dire <<boh, sono io che sono strano e non capirò mai da che parte andare>>...
Perché, ribadisco, questa mia visione del mondo va a toccare qualsiasi aspetto della mia vita, così che mi immobilizzo (come nell'esempio del voto politico di cui sopra), mi trovo sempre e solo a metà strada, non so mai <<chi è come me e quindi può godere della mia fiducia>>.
Su, tutti quanti da ragazzotti si sono voluti definire in qualche modo, per indirizzarsi da qualche parte: ho amici che si sono definiti comunisti, fascisti, anarchici, cattolici-democratici, ecc... e fin qui è politica... ma a me piace la filosofia, non tanto la politica... per me è la filosofia che poi ti porta a scelte politiche, non compierò mai una scelta politica "di fazione" senza prima aver dato ascolto a queste mie spinte contraddittorie e di visione della vita.
Tutto qua.
E grazie della lettura.




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
È possibile disegnare un motociclista centauro, è possibile rappresentarlo nel cinema ma non graficamente ci FireBall Disegno & Storia dell'arte 0 04-11-2019 03:20 PM
SE PER FARTI TACERE SI INVENTANO UNA MALATTIA CHE NON HAI? ROSINABUONISSIMA Medicina 1 05-10-2018 08:33 AM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 12:18 AM.


© Copyright 2015 by ghisirds.com - P.IVA 02309010359 - Privacy Policy - Cookie Policy