Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Materie di Scuola > Ecologia

scuola

Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio Un aiuto filosofico... ci sbatto la testa da molto tempo.  05-04, 22:14  Federica21  1  2315   Filosofia
Vecchio La propria filosofia di vita?  05-04, 21:50  Federica21  6  6648   Filosofia
Vecchio Qualcuno ha avuto esperienze con la terapia Sutent?  05-04, 20:39  kamu  13348  6511352   Medicina
Vecchio DOLORE AL GINOCCHIO  08-01, 10:44  giovanni.uff  2  2696   Medicina
Vecchio Corso di impianti elettrici gratuito  03-01, 08:26  AbbasoLaSquol...  1  3264   Elettronica
Vecchio Aiuto Problemi Chmica  25-11, 17:22  Anonimato  0  3551   Chimica
Vecchio Bocciato 3 volte... e ora ??  21-11, 16:11  scuola di...  3  8276   Scuola in generale
Vecchio Quale univerisità scegliere per un lavoro "sicuro"?  21-11, 16:07  scuola di...  16  15170   Scuola in generale
Vecchio insegnanti di inglese cercasi  28-10, 11:40  KaryVega  6  10695   Inglese
Vecchio Eccovi un video YouTube dove ci sono io che impenno in Bmx  28-10, 11:39  KaryVega  6  25621   Bici

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 08-15-2007, 07:10 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Aug 2007
ubicazione: Alba, Cuneo
Messaggi: 10
predefinito Certificati energetici: c'è serietà o voglia di vendere?

Certificati energetici: c'è serietà o voglia di vendere?


Dal prossimo 1 luglio 2009 entrerà in vigore l'obbligo della certificazione energetica come allegato obbligatorio in tutti gli atti di trasferimento degli immobili e contratti di affitto.
Nel frattempo molti cittadini brancolano nel buio. Molti vorrebbero intrprendere la strada del risparmio energetico però sono frenati.In uesto campo a molti interessa solo vendere dei prodotti senza garantire il reale risultato.
Ho provato a fare la somma con una caldaia a condensazione risparmio il 30% rispetto una caldaia normale, con il riscaldamento a pavimento risparmio il 30% rispetto ai radiatori, con un isolamento a cappotto raggiungo anche il 70% di risparmio, con i pannelli solari termici risparmio il 30%, con i serramenti in pvc risparmio il 40% rispetto ai tradizionali in legno. Adesso mi fermo potrei andare ancora avanti ma se effettuo tutti i consigli precedenti arrivo già al 200%. La matematica non è un'opinione. Ha ci sarebbe anche il pellet, benedetto pellet. BRUCIAMOLO.
Basta isolare bene l'involucro della casa e potremmo anche fare a meno del pellet.
Esiste serietà o solo voglia di vendere?
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 08-30-2007, 11:56 AM
Member
 
Registrato dal: Jun 2007
Messaggi: 85
predefinito

il risparmio in percentualè che ti dicono è riferito a una soluzione non energetica:
esempio caldaia a condensazione risparmi il 30% rispetto a una caldaia tradizionale, riscaldamento a pavimento 30% rispetto ai radiatori, totale 60 per 200 non per cento! comunque per avere una casa ottimale dal punto di vista energetico, bisogna considerare alcune cose. Impianto elettrico, deve essere a norma con i fili giusti per evitare dispersioni e cortocircuiti. Riscaldamento, deve essere gestito da un termostato regolabile così come la caldaia dell'acqua calda. Per i serramenti sono indispensabili i doppi vetri. Gli elettrodomestici devono essere a basso consumo e così pure le lampadine.
Con questi accorgimenti sei già a buon punto per il risparmio indipendentemente dalle tecnologie che si adottano.
__________________
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 09-26-2007, 03:10 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Sep 2007
ubicazione: Caltanissette - Sicilia
Messaggi: 10
Post

esiste la serietà e la voglia di vendere.....
adesso con la nuova legge si puo' risparmiare fino al 55 % dei lavori finalizzati al risparmio energetico di casa.
Dalla caldaia alla coibentazione dei muri, alla sostituzione degli infissi con quelli a tripli vetri (fenomenali), alla realizzazione di impianto fotovoltaici e solari termici....

Il concetto di risparmio è molto importante perchè se hai una casa che non ti richiede riscaldamento perchè ben isolata (niente metano), che ti richiede poca energia per riscaldare l'acqua (impianto solare termico), che riesce con l'impianto elettrico ottimizzato al meglio a farti risparmiare, alla fine dell'anno risparmi parecchi soldi.

Il fatto è che il risparmio energetico dovrebbe essere cercato nella costruzione della casa, non lasciando il concetto di risparmi energetico solo nel progetto della casa....
__________________
Ing. Filippo Sfragara
Il mio Forum professionale
Il mio Blog professionale
Rispondi quotando
  #4 (permalink)  
Vecchio 12-09-2007, 06:50 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Aug 2007
ubicazione: Alba, Cuneo
Messaggi: 10
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da energaia Visualizza il messaggio
Dal prossimo 1 luglio 2009 entrerà in vigore l'obbligo della certificazione energetica come allegato obbligatorio in tutti gli atti di trasferimento degli immobili e contratti di affitto.
Nel frattempo molti cittadini brancolano nel buio. Molti vorrebbero intrprendere la strada del risparmio energetico però sono frenati.In uesto campo a molti interessa solo vendere dei prodotti senza garantire il reale risultato.
Solare termico
Perché installare un impianto ad uso sanitario ?
Attraverso l’energia solare possiamo supplire all’85-90% del bisogno pro capite di acqua per utilizzo
sanitario domestico, ovvero per lavarci e lavare indumenti e stoviglie (gli elettrodomestici dell’ultima
generazione prevedono la possibilità di utilizzare acqua preriscaldata).
Calcolare il risparmio annuale derivante dall’utilizzo di un impianto solare per il riscaldamento dell’acqua
ad uso sanitario non è immediato essendoci in gioco diversi fattori tra cui alcuni (esempio le abitudini
individuali) molto variabili; volendo affrontare un discorso “di massima” è possibile però stimare un
risparmio pari a circa 170-220 m3 annui pro capite di gas, includendo in tale stima anche il risparmio
derivante dal completo spegnimento della caldaia, fiamma pilota compresa, per il periodo tra aprile ed
ottobre.
Tale risparmio, per una famiglia di 4 persone con un impianto a gas metano, si traduce in un risparmio
effettivo pari a 410–520 euro all’anno, al netto di effetti sostanziali quali l’inflazione ed il consueto rincaro
del prezzo del gas medesimo.
A tale stima non è possibile non aggiungere, anche se difficilmente quantificabile in termini economici, il
generale beneficio ambientale derivante dalla mancata emissione pari a circa 1640-2.100 kg di Co2.
Ma quanto costa un impianto solare di questo tipo?
Il prezzo di un impianto per la produzione di acqua calda ad uso sanitario domestico per una famiglia di
4 persone varia in funzione sia della quantità d’acqua desiderata sia della complessità di installazione
dell’impianto medesimo; indicativamente i costi possono variare da un minimo di 3.900 € ad un massimo
di 4'500 euro (1 pannello di circa 4 mq sottovuoto, non piano e accumulo da 200 lt).
Ciò significa che, ad esempio, se l’impianto è costato 4'500 euro, tenendo anche conto di inflazione ed
aumenti futuri del combustibile paragonabili a quelli registrati negli ultimi anni, l’impianto potrà esse
ammortizzato nel giro di 8-9 anni. Considerando, poi, la possibilità di chiedere una riduzione IRPEF del
55% così come previsto dalla normativa in vigore, il tempo di ammortamento si ridurrebbe
proporzionalmente decrementando fino a 4-5 anni.
Perché installare un impianto per il riscaldamento domestico
Le attuali tecnologie permettono di ottenere una copertura del fabbisogno energetico per riscaldamento
domestico anche pari al 30%, ma occorre fare qualche necessaria premessa.
· Un impianto solare termico per il riscaldamento domestico si abbina tipicamente ad un
impianto di riscaldamento funzionante a bassa temperatura, cioè un impianto costituito da
pannelli radianti sottopavimento; ciò è dovuto al fatto che l’acqua è scaldata attraverso i pannelli
solari ad una temperatura di circa 40-50 gradi centigradi. Alimentare attraverso un impianto
solare di medie dimensioni un normale impianto di riscaldamento a termosifoni significa poter
ottenere un risparmio potenziale pari a “solo” il 5-10%. I pannelli solari consigliati per questo tipo
di applicazione sono del tipo “sotto vuoto” per assicurare un buon rendimento anche nei periodi
invernali;
· Occorrono circa 9,8 metri quadri di pannelli solari per ogni 150mq di superficie da riscaldare;
· Occorre poter installare serbatoi di grandi dimensioni (800-1200 litri circa)
· Occorre disporre di un’abitazione ben coibentata.
Ciò premesso è verosimile fissare il costo indicativo di un impianto solare per il riscaldamento domestico
di circa 150 metri quadri di abitazione attorno ai 9'800 Euro, tale costo comprende i pannelli solari ed il
serbatoio di 850 litri; il risparmio stimato in presenza delle condizioni di cui sopra si aggira attorno al
30%. Ciò significa che, ad esempio, se l’impianto è costato 9.800 euro, tenendo anche conto di inflazione
ed aumenti futuri del combustibile paragonabili a quelli registrati negli ultimi anni e ipotizziamo che il
costo del riscaldamento si aggiri attorno ai 2.000,00 annui.
l’impianto potrà esse ammortizzato nel giro di 16 anni. Considerando, poi, la possibilità di chiedere una
riduzione IRPEF del 55% così come previsto dalla normativa in vigore, il tempo di ammortamento si
ridurrebbe proporzionalmente decrementando fino a 8 anni.
Vantaggi ambientali
Oltre ai potenziali vantaggi economici di cui abbiamo già trattato, non bisogna omettere i sostanziali
vantaggi ambientali che la diffusione di tali impianti produrrebbe.
Per quantificare tali vantaggi è possibile valutare la quantità di biossido di carbonio (CO2) emessa
nell’atmosfera dai diversi modi comunemente utilizzati per produrre acqua calda (scaldabagno elettrico,
caldaia a metano, pannelli solari).
Per inciso è utile ricordare che il biossido di carbonio e’ ritenuto una delle cause dell’eccessivo
surriscaldamento del pianeta terra.
Per produrre l’acqua calda necessaria al proprio fabbisogno, una famiglia di 4 persone con uno
scaldabagno elettrico utilizza circa 8,7kWh elettrici al giorno. Per produrre 1kWh con una centrale
termoelettrica si emettono circa 0,7kg di CO2, uno scaldabagno è, quindi, responsabile di circa 6,10 kg di
CO2 ogni giorno.
Una caldaia a metano, invece, utilizza circa 1,64 metri cubi di combustibile al giorno per famiglia. Poiché
nella combustione di metano si producono circa 1,96kg di CO2 ogni metro cubo, l’emissione giornaliera è
pari a 3.21kg di CO2.
Con i pannelli solari non si ha nessuna emissione di CO2 né di altri inquinanti atmosferici come le polveri,
gli ossidi di azoto e ossidi di zolfo.
In ogni caso i pannelli possono essere usati anche ad integrazione del riscaldamento con ulteriore
riduzioni delle emissioni del 30%.
Di seguito viene riportata una tabella riassuntiva di tre diversi sistemi usati per riscaldare l’acqua insieme
ai loro consumi e le loro emissioni di diossido di carbonio nell’atmosfera per famiglia di 4 persone:
Dispositivo Fonte di energia Emissioni di CO2 (kg/anno)
Scaldabagno Energia elettrica 3.175 kWh/anno 2.222
Boiler a gas Metano 600 mc/anno 1.176
Pannello solare Sole 0
Rispondi quotando
  #5 (permalink)  
Vecchio 07-20-2008, 10:03 PM
Administrator
 
Registrato dal: Jun 2007
Messaggi: 644
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da energaia Visualizza il messaggio
Dal prossimo 1 luglio 2009 entrerà in vigore l'obbligo della certificazione energetica
Problema risolto: legge bocciata da questo governo Berlusconi che privilegia la crescita economica al rispetto per l'ambiente...
__________________
Appena registrati, leggere lo scopo del forum e come dovrebbe essere l'utente ideale!
Rispondi quotando
  #6 (permalink)  
Vecchio 09-22-2009, 10:35 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Sep 2009
Messaggi: 21
predefinito

una legge bocciata e' solo un incidente di percorso, i problemi sono troppo gravi e troppo vasti x accontentersi. sono sicuro che c'e' chi nei corridoi del palazzo gia' sta preparando la prossima proposta di legge sull'argomento, e comunque, chi voglia informarsi su questo e su altri temi ecologici puo' andare all'indirizzo http://www.eco-pensieri.com




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Cambiamenti climatici: credo ci voglia piu' informazione! kikimi Ecologia 4 02-21-2010 03:45 PM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 10:21 AM.


© Copyright 2015 by ghisirds.com - P.IVA 02309010359 - Privacy Policy - Cookie Policy