Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Interessi > Cucina


Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio Qualcuno ha avuto esperienze con la terapia Sutent?  20-10, 16:17  kamu  13398  6879859   Medicina
Vecchio Il Nobel per l'Economia 2020  15-10, 22:51  Angela...  0  539   Economia
Vecchio Traduzioni latino medievale italiano  08-10, 20:27  Gian Claudio  0  664   Latino
Vecchio Esperienze esofagite da reflusso gastroesofageo ernia iatale  15-09, 11:00  andreaamato  15  54863   Medicina
Vecchio EPPURE ERA ANCORA UNA VOLTA IL SEGNO...  23-07, 15:58  FireBall  1  2847   Ecologia
Vecchio Come progredire con l'apprendimento della lingua inglese da autodidatta?  20-07, 14:40  FireBall  4  6081   Inglese
Vecchio Perchè ci si sposa di meno?  20-07, 12:41  FireBall  6  8662   Off Topic
Vecchio del mangiare e bere bene. questione Coca Cola.  19-07, 21:29  FireBall  7  34776   Cucina
Vecchio Come fare ricorso al Sirio Rita per multa ZTL a Bologna?  16-07, 10:38  Giac  12  50899   Auto, Moto, Motori
Vecchio Quali rivestimenti dei sedili posteriori per Audi A5  18-06, 11:34  AnaMT  1  7733   Auto, Moto, Motori

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 06-01-2010, 05:10 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jun 2010
Messaggi: 5
Angry del mangiare e bere bene. questione Coca Cola.

del mangiare e bere bene. questione Coca Cola.


ciao a tutti!
quando ho letto questa notizia sono rimasto a bocca aperta! devo premettere che penso di essere una delle poche persone che non sopporta la Coca Cola, però, detto questo, sostituirla/paragonarla ad un buon vino, mi sembra comunque eccessivo.
Quote:
Coca-Cola a pranzo e a cena: “la felicità in tavola ha trovato la sua formula”. Così afferma la campagna pubblicitaria della celeberrima bibita americana. In sostanza ci propone di gustare le pietanze non più con un buon bicchiere di vino ma con la bevanda.
si può anche non essere amanti del buon vino, ma piuttosto che rovinarmi (anzi, disintegrare) i sapori con la Coca, bevo acqua
che poi, diciamola tutta, ingrassano di più un paio di bicchieri di Coca Cola che una cena equilibrata
Quote:
“in realtà la formula è quella dell’obesità, perché un solo bicchiere di Coca-Cola contiene l’equivalente di quasi sei cucchiaini di zucchero (100kcalorie).
ConsumatoriAttivi è la fonte, è un magazine di consumo.
consumatoriattivi.masanews.it/article/7515161/la-coca-cola-sugli-spaghetti-

che dite?
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 07-20-2016, 06:30 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Jul 2016
Messaggi: 16
predefinito

coca cola = disagi sicuri x il corpo
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 11-28-2016, 01:06 PM
Member
 
Registrato dal: Nov 2016
Messaggi: 38
predefinito

Con tutto lo zucchero che ha al suo interno meglio evitarla. Anche il vino non farà benissimo, ma tra i due meglio il vino almeno sappiamo da che cosa è composto!
Rispondi quotando
  #4 (permalink)  
Vecchio 07-07-2017, 04:42 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jul 2017
Messaggi: 2
predefinito

Neanche a me piace la coca cola, è troppo dolce e ogni volta che la bevo mi gonfia in maniera smisurata. Il vino è su un altro livello!
Rispondi quotando
  #5 (permalink)  
Vecchio 01-10-2019, 12:31 PM
Member
 
Registrato dal: Dec 2018
Messaggi: 31
predefinito

meglio non berla punto.
Rispondi quotando
  #6 (permalink)  
Vecchio 05-31-2020, 05:10 PM
Junior Member
 
Registrato dal: May 2020
Messaggi: 19
predefinito

Noi a casa non beviamo coca cola. Attorno alle industrie di imbottigliamento della coca cola le persone hanno il diabete. fate un po voi.
Rispondi quotando
  #7 (permalink)  
Vecchio 07-19-2020, 11:38 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2019
Messaggi: 17
predefinito Breve storia della bevanda "Coca Cola".

La "Coca Cola" è una bevanda che contiene essenza non sostanza di coca — sostanza invece contenuta in droga detta cocaina, che appunto deriva da pianta così nomata: "coca" — la vera "Coca Cola" dunque non ha gli effetti della cocaina, neppure blandi.
Ciò che si può intuire da nome e dizione anche originale, ne attesta origine non estranea all'Italia. Difatti si può considerare senso da stesso dire italiano di nome avendo però cura di badare ai particolari, a cominciare dal notare anche seconda lettera maiuscola: perciò non quanto cola da coca, ma dal colare stesso dalla coca, non colando coca stessa ma formandosi colo non scolo cioè da formazione esterna di colo con essenza non sostanza di base, cui appunto la "cola" proprio dalla non della "coca", sino a risultare liquido dicibile "Coca Cola", usandosi lettere maiuscole in riferire non a caso ma a sapere generale per farne.

È evidente, per chi conosce mondi americani, che non furono europei americani gli inventori quindi non italoamericani; dacché per chi ignaro di altro è logicamente deducibile di questa bevanda originalità indiana e originarità indios, datoché luoghi propri della pianta di coca essendo ove indios abitanti diretti e posti di cessione dei prodotti ove indiani diretti abitanti. Evidentemente assonanza a neolatino italiano escludono che tali indiani naturalizzati dalla India in Oriente cioè Asia, essendo essi nativi anche originari americani ("nuovi indiani").
Da moltissimi decenni il prodotto ceduto variamente in Settentrione americano dicibile propriamente "Coca-Cola" era trasformato e riprodotto, ciò originariamente da italoamericani, da molti decenni da italiani in America rifatto uguale solo non artigianalmente, ottenendone bevanda che è dicibile propriamente "Coca Cola"; ma date provenienze, cui culture orali fondamentali, ricette più o meno tradizionali ricevono anche diverse Scritture ('Coca-Cola', 'Cocacola'... ). Indios cedettero prodotti a questi scopi ed in guisa che si potesse dedurre dal gustare le condizioni della cessione già per destinazione a futura produzione industriale...
Tuttavia prima di europei e prima di cosiddetta Era Colombiana, in America esisteva industriosità e industrie artigianali e cui capacità analoghe a future industriali occidentali europee in America stessa... Diversamente è tramandato, che i cosiddetti "tram" erano produzione artigianale americana assai prima di arrivo di Colombo e Vespucci, oggetti mossi da sistemi a molla analoghi a quelli dei carri semoventi degli antichi assiri epperò tali tram coadiuvati da motori di avviamento - riavviamento, tipo "a scoppio senza ciclo", cui corrisposero poi i sistemi motore marini dei gozzi europei italiani, ma questi avendo altra preistoria, in sistemi ""a fiamma e a pendolo"" concepiti e congegnati dai vichinghi scandinavi per corsi d'acqua non marini ma marittimi, cui notizie trapelarono in Corti rinascimentali italiane, anche in quella De' Medici... Di precedenti produzioni della "Coca Cola" era usata verbalità corrispondente a termine scritto futuro anglosassone inglese "coke", da cultura sciamanica celtica cioè di origine occidentale - europea, radice multipla sanscrita 'co/che' da cui parola neolatina italiana "cocche" ma cui origine in rifacimento, non da diretto sanscrito, "cocco", che indica alimento chiuso cui stessa protezione facente polpa; indicandosi ovuli vegetali specifici e uovi animali non fertili cioè làsciti strategici per vantaggi alimentari comuni... Analogalmente si diceva, all'occidentale, 'coke' per indicare sostanza producente non presente in quanto da produzione ma produzione per non altra produzione ('re-produrre'), plausibilmente quando presenza non stabile o non certa di sciamani celti poi di celtici sciamanici era referente commerciale sia con suddetti indios che suddetti indiani, prima di presenza russa da Bering ma dopo presenza greca da stesso Stretto di Bering (cui origini di nomi di città: Indianapolis, Philadelphia e non solo). Interessamento celto-celtico era a seguito di conoscenza indios del pensiero greco, che stessi indios dicevano 'sacerdotale' perché liberando da molti bisogni rendeva vita umana in tutto affine a vita di belve... Ciò però prima degli arrivi bizantini, che non ellenisti o non solo ellenisti erano e che fecero conoscere agli indios "la vita stessa" possibile comune tra animali feroci e umani naturali. Prima di questo ulteriore incontro, non americanizzabile perché più estremo e perché totale, i preparati detti 'coke' erano considerati oltre che adatti a futuri scambi se arrivi forse stabili (poi accaduti con variaghi russi, poi con C. Colombo e spagnoli e altri), possibili segni di distinzioni psicofisiche e comunicative e specialmente modi per stare assieme nonostante capacità ed incapacità diverse; uso diplomatico postumo di scritta "Coke" ne è solo ricettario più tradizionale.
Di fatto, la Coca Cola era stata di semplici industrie amerinde ed era anche adatta per dare sollievo a percorsi artificiali, le tramvie dei suddetti tram, non a binari ma a piste, o le filovie sospese in discesa o risalita a contrappeso: queste ultime voluminose in materiali, tramvie esili, anche di vettori: infatti Resti archeologici hanno testimoniato queste cose ed anche reperimento di Coca Cola appunto oggetti standard, di diversa industria ove stessi resti lasciati per esser ritrovati (notizie diffuse in tivù, ma io ho raccontato questo e restante qui da racconti orali messimi a parte e da mie peregrinazioni a piedi in luoghi americani). Produzione amerinda di Coca Cola risulta che fu interrotta prima di arrivo di Vichinghi in Canada, dato che a costoro, alcuni abitanti del Settentrione narrarono non altroché 'degli sciocchi che volevano vino e cercavano "cocacola" ' e 'degli stupidi che volevano "cocacola" e trovavano vino'. Dai difficilissimi ritorni celtici in Europa prima di Lega Anseatica, era narrazione de "i cocchi di mamma", quelli che per timore senza rispondenza reale, di trovar sostanza di coca in coca-cola, usavano cercar protezione tra i vestiti materni e se si avvinazzavano allora fino a mimare incesti o a fingere disinibizioni persiane (note assai agli antichi romani, pure agli indiani d'America) e trasudando alcol. Distinzione tra alcool e alcol (questo non testificabile e proprio questo fortemente attivo) fu nota in mondo teutonico europeo attraverso il noverare tali casi umani, ai tempi della Lega Anseatica... Etnologia può esser modo per darne indizio determinante; io ne trovai certezza studiando forme di insulti tradizionali e stravaganti a Salisburgo ed Innsbruck. Cronache di "CocaCole" furono subissate dai racconti sul cioccolato ed in parte confusene dai volghi. In particolare la leggenda delle miniere di cioccolato scoperte sui ghiacci non remoti dal Canada (spedizione archeologica ne scoprì una ma vecchia di troppi secoli) corrisponderebbe a stizza, da parte di variaghi e vichinghi, della confusione di modi di dire di cioccolate e cocacole. Vichinghi notavano evidentemente confusione di ciocchi e cocchi, tantoché costruzioni artigianali di motoslitte eran ritenute odiose agli sciocchi troppo innamorati di uova fino a confondere con sassi e troppo gelosi di feticci materni i quali oltraggiavano con le parole: tali motoslitte erano dotate di sistemi per locomozione cui ciocchi di legno in scatole compresse poi avvampati tal che vibrazioni e calore riducessero annullassero attriti dopo spinta con arti... e dopositi di alimenti surgelati erano modi attuati dai vichinghi presso Circolo Polare Artico per evitare depositi di cadaveri indesiderati, non per dilettar incauti prima di stessa incauta morte per assideramento... Tra eschimesi canadesi era noto fino a pochi anni orsono il detto su "lo scemo che cerca la colla sotto lo sci perché non sente il fumo sopra lo sci"; e mi è risultato (anche da contemplare Rune— ), che era nota aggressione contro vichinghi cercando di colpirne slitte o suddette motoslitte artigianali con caramello e caramelle e con stessi modi di bevitori di cocacole; di fatto il caramello in cocacole essendo per proteggere bocche, anche da sciocche azioni.
In Svezia racconti orali hanno attestato barattoli di cocacola (di origine amerinda) portati da nobili vichinghi o da generosi variaghi, questi per feste natalizie (vidi dipinto distintamente di alcuni secoli addietro con albero di natale e barattolo in tutto stile cocacola). Da tradizionalità russa la 'cocacola' è recepita qual bevanda per finger d'averne ottenuto più di acqua non pura ma non per criticarne né denigrare. Usi occidentali generici sono soltanto analoghi ad andini con foglie di coca; Cocacola cioè fa da energizzante-defaticante non da defaticante; tantoché in Coca Cola è usato aroma di caffeina. Sovente incomprensivi nel maneggiarne confezioni tentano di esaltare tal aroma, mostrandosi inetti ad intenderne scopo; cattivo rapporto con cocaine spesso è evidenziato da tal inettitudine che parendo spesso spontanea reazione ignara invece spesso è reazione artificiosa e tentativo brutalizzante contro bevanda medesima, che è tutt'altro da cocaina.
(Tali ultimi fatti si ritrovano ad esser uguali a quelli in racconti dei tempi delle incursioni dei vichinghi per Orbe Terraqueo; ma tal ultimi racconti non sono estendibili alla interezza cui tali incursioni.)


MAURO PASTORE

Quote:
Originariamente inviata da Giac Visualizza il messaggio
Noi a casa non beviamo coca cola. Attorno alle industrie di imbottigliamento della coca cola le persone hanno il diabete. fate un po voi.
Quanto a "diabete", bisogna prima intendere che malattie non sono oggetti e medicina non ha dunque terminologia esclusiva neppure se coniando neologismi, che sempre altri oggetti significano ma per non medicina e senza indicare mai malattie di sorta; infatti queste son soggettive.

Dunque, "diabete", è parola che fondamentalmente può indicare ed indica sostanze che agiscono, restano, inebetendo aggressivamente o illusoriamente, o percettività e mentalità, o altro in corpo non del corpo. Natura psichica umana dispone di ebetitudine qual difesa di non pensiero; ma tal difesa se attuata male favorisce condizioni di salute precarie; e ciò pertiene pensiero naturale di benessere, non studi medici.

Da valutare non medico di studi medici, cioè da migliore condizione che con aiuto di diagnosi per chi paziente, si deduce, universalmente ma senza conseguire rimedi universali — d'altronde non esistono in medicina rimedi universali — che... :
Condizioni di salute precarie "diabetiche" possono costituire malattia o solo stati di malattia o proprio niente; in tal ultimo caso mancando attraversamento di stati di malattia dunque mancando esperienza fortificante ma non sempre utile. In caso di individui soggetti a malattie non a soli attraversamenti, malattie diabetiche non sono mai eventi altramente favorevoli ed il prevenirne è fortificante e solo se endogeno il guarirne è non indebolente; in tal ultimo caso, non endogeno, quindi attenzione poi di doversi fortificare senza riammalarsi.


Ciò che non in quanto tale ma soggettivamente può esser insidia diabetica non è mai sola sostanza alimentare cioè nessun cibo e nessuna bevanda sono insidiose diabeticamente neppur per chi a rischio proprio di ammalarsi; insidie son da concomitanze altre ulteriori.

Questo sapere inerisce pensiero del benessere innanzitutto, secondariamente medicina, non viceversa; e tal precisazione è anche con sola cultura su medicina, non solo di cultura di medicina.


M. P.
Rispondi quotando
  #8 (permalink)  
Vecchio 07-19-2020, 09:29 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2019
Messaggi: 17
predefinito Precisazione.

Quote:
Originariamente inviata da FireBall Visualizza il messaggio
Ciò che si può intuire da nome e dizione anche originale, ne attesta origine non estranea all'Italia. Difatti si può considerare senso da stesso dire italiano di nome avendo però cura di badare ai particolari, a cominciare dal notare anche seconda lettera maiuscola: perciò non quanto cola da coca, ma dal colare stesso dalla coca, non colando coca stessa ma formandosi colo non scolo cioè da formazione esterna di colo con essenza non sostanza di base, cui appunto la "cola" proprio dalla non della "coca", sino a risultare liquido dicibile "Coca Cola", usandosi lettere maiuscole in riferire non a caso ma a sapere generale per farne.
Della pronuncia del nome scritto in forma più comune "Coca Cola", si nota uso spontaneo perlopiù con accento grave su seconda parola, "Còla", in quanto nome del prodotto, pur contenendo riferire possibili a produzioni e origini produttive, indica prodotto stesso cui il cólo, nel senso appunto di colare stesso e indiretto da sostanza non essa colante, non è di prodotto ma di prodursi prima di esser del prodotto stesso. (Si consideri qual esempio semplice di riferimento comparativo, per chi non addentro a significati relativi a distinzioni di pronuncia riportati in scritti e in scritture, distinzione tra sòrta e sórta, tra sostantivizzazione cioè e verbalizzazione, quindi –rispettivamente– tra atto e azione; e si trovino altri esempi adatti, se necessario, per spiegare tipo di distinzione stessa.)

Di dizioni e scritture precise, in racconto circa provenienza di siffatto prodotto non bisogna farne riferimento principale, poiché di esso origini e pensiero relativo son fondati sul dire non scrivere; perciò è preferibile variare scritture, purché però trovandosene anche un senso, il quale è direttamente reperibile a partire da utilizzo del prodotto stesso, non da studiarne.


MAURO PASTORE




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Qual'è il miglior residuo fisso a 180° per l'acqua da bere? marco Medicina 29 05-31-2020 04:39 PM
Tabelle sulle quantità max di alcool che è possibile bere fico Auto, Moto, Motori 3 05-13-2017 06:37 PM
A Pasqua non mangiare l'agnello, non mangiare nessun animale marco Animali, Fiori, Piante 6 03-14-2016 07:31 PM
Berlusconi ha deciso che l'acqua non sarà un bene pubblico Diego Politica 1 03-16-2009 12:31 PM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 11:25 PM.


© Copyright 2015 by ghisirds.com - P.IVA 02309010359 - Privacy Policy - Cookie Policy