Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Materie di Scuola > Storia

scuola

Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio Qualcuno ha avuto esperienze con la terapia Sutent?  09-12, 19:36  bobo47  13328  6324035   Medicina
Vecchio Aiuto Problemi Chmica  25-11, 18:22  Anonimato  0  1082   Chimica
Vecchio Bocciato 3 volte... e ora ??  21-11, 17:11  scuola di...  3  5313   Scuola in generale
Vecchio Quale univerisità scegliere per un lavoro "sicuro"?  21-11, 17:07  scuola di...  16  12885   Scuola in generale
Vecchio Un aiuto filosofico... ci sbatto la testa da molto tempo.  11-11, 23:26  Gianmaria...  0  814   Filosofia
Vecchio Corso di impianti elettrici gratuito  03-11, 10:04  AbbasoLaSquol...  0  846   Elettronica
Vecchio insegnanti di inglese cercasi  28-10, 12:40  KaryVega  6  8295   Inglese
Vecchio Eccovi un video YouTube dove ci sono io che impenno in Bmx  28-10, 12:39  KaryVega  6  23264   Bici
Vecchio Consigli per dimagrire  28-10, 12:37  KaryVega  8  2005   Cucina
Vecchio Sperimentato nuovo trattamento per invertire la celiachia  23-10, 20:12  Scuola  1  870   Medicina

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 06-23-2013, 07:05 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jun 2013
Messaggi: 1
predefinito King Carlo Alberto in 1832 wanted him in charge of the project to extend the Royal Castle of Racconigi

King Carlo Alberto in 1832 wanted him in charge of the project to extend the Royal Castle of Racconigi


Iniziato giovanissimo allo studio della prospettiva, dell’architettura, della pittura di figura, del ritratto ed al collezionismo dal mecenate Carlo Filippo Aldrovandi, Pelagio Palagi studi nella scuola di Nudo dell'Accademia Clementina di Bologna. La sua formazione e gli esordi coincisero con l’arrivo in città delle truppe napoleoniche: su richiesta di Aldrovandi, membro del Senato e rappresentante del governo provvisorio bolognese, realizzò disegni di uniformi per il Direttorio, di medaglie e di emblemi coi simboli di Libertà ed Eguaglianza per carte e biglietti da visita; poi, dietro committenza del nuovo ceto emergente, progettò i monumenti funebri di Edoardo Pepoli (1801), Girolamo Bolognini Amorini (1803) e Luigi Sampieri (1804), realizzati per la Certosa di Bologna, e decorò gli interni delle dimore cittadine delle famiglie Cospi, Aldini e Gozzadini: lavori, questi ultimi, eseguiti nel 1805.
Trasferitosi a Roma nel 1806 per completare gli studi presso l' Accademia di San Luca, fu forse tra gli allievi di Vincenzo Camuccini. Dal 1813 fu ispettore dell’Accademia Italiana, con l’incarico di seguire l’attività dei giovani pensionati delle Accademie del Regno d’Italia a Roma. Insieme con Antonio Canova, presidente dell’Accademia, riuscì a riunire intorno ai giovani artisti i pittori più rappresentativi del Neoclassicismo italiano, da Felice Giani a Gaspare Landi, oltre a Camuccini.
L’esperienza romana servì anche a Palagi per approfondire interessi archeologici e collezionistici, già maturati a Bologna durante gli anni giovanili trascorsi nell'ambiente culturale enciclopedico di Carlo Filippo Aldrovandi.
Nel 1815, dopo una breve parentesi bolognese, si trasferì a Milano, dove aprì una scuola privata in aperta concorrenza con l'Accademia di Brera, che non gli offrì mai un incarico di insegnamento. Nella capitale lombarda la committenza privata, più ampia e stimolante di quella incontrata a Roma, lo portò a dedicarsi alla ritrattistica e, in particolare, alla pittura di figura di Giuseppe Bossi e di Andrea Appiani; dalla committenza privata a quella pubblica, si affermò come ritrattista dei protagonisti della Restaurazione.
L'incontro con Francesco Hayez, il maggiore interprete della svolta romantica dell'arte lombarda, lo indusse a cercare un compromesso fra la pittura storico-romantica e la lezione del classicismo. Alla fine degli anni Venti Palagi ottenne l’incarico di eseguire gli interventi architettonici, d’ornato e di progettazione scultorea del Palazzo Arese Lucini e della Villa Tittoni Traversi di Desio. La sua fama di architetto, decoratore d’interni, scultore e disegnatore di mobili, oltre che di pittore, dovette giungere fino alla corte dei Savoia, e il re Carlo Alberto nel 1832 lo volle a capo del progetto di ampliamento del Castello Reale di Racconigi. Durante questo periodo ha anche collaborato con l'artista orafo Marcello Staviori. Trasferitosi dunque a Torino, Palagi, dopo aver ottenuto nel 1834 la direzione dei programmi pittorici e decorativi delle residenze reali, si dedicò ai progetti di ripristino pittorico e decorativo del Castello di Pollenzo e di ammodernamento del Palazzo Reale di Torino. Sempre nello stesso anno si insediò nella cattedra di Ornato dell' Accademia di Belle Arti.
A pochi giorni dalla morte, Palagi redasse il testamento col quale il Comune di Bologna fu nominato erede di tutti i suoi oggetti d’arte e di antichità, delle medaglie, della biblioteca, dell’archivio e dei disegni. Il materiale librario, l’archivio, i disegni e le incisioni sono oggi conservati presso la Biblioteca comunale dell’Archiginnasio; le collezioni di antichità sono invece suddivise fra il Museo civico archeologico e il Museo civico medievale di Bologna.
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 05-03-2014, 09:44 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Apr 2014
Messaggi: 16
predefinito

Bel riassunto !




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Cin-king macchine nuove: è follia pura o esistono davvero? supermatilda Auto, Moto, Motori 7 03-24-2008 05:50 PM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 07:49 AM.


© Copyright 2015 by ghisirds.com - P.IVA 02309010359 - Privacy Policy - Cookie Policy