Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Materie di Scuola > Storia

scuola

Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio Corsi programmazione informatica  21-10, 09:43  KaryVega  1  124   Informatica
Vecchio Serie televisive gratuite in inglese; suggerimenti?  21-10, 09:41  KaryVega  3  215   Inglese
Vecchio Qualcuno ha avuto esperienze con la terapia Sutent?  18-10, 11:47  bobo47  13315  6236374   Medicina
Vecchio Studio di Funzione - Youtube AB&GM  18-10, 06:21  AbbasoLaSquol...  1  5037   Matematica
Vecchio Come far ruotare mappa nella App Google per la navigazione  18-10, 06:19  AbbasoLaSquol...  2  5420   Informatica
Vecchio Windows e chrome  18-10, 06:17  AbbasoLaSquol...  3  4746   Informatica
Vecchio Comandare relè a 6 volt con tensione di pilotaggio a 10 volt  18-10, 06:14  AbbasoLaSquol...  4  34819   Elettronica
Vecchio Domanda per elettricisti  18-10, 06:13  AbbasoLaSquol...  2  21538   Elettronica
Vecchio cambiare portalampadina  18-10, 06:11  AbbasoLaSquol...  5  5604   Elettronica
Vecchio Qualcuno è mai stato in India??  17-10, 19:54  AbbasoLaSquol...  1  4082   Viaggi

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 03-12-2009, 04:49 PM
abn abn non è in linea
Member
 
Registrato dal: Nov 2008
Messaggi: 36
predefinito Se Dio è buono allora perché c'è il male?

Se Dio è buono allora perché c'è il male?


Salve,
mi permettete di parlare del mio nuovo libro? Se vi va potremmo poi affrontare il tema assieme. Parla di una questione fondamentale nella nostra vita: Se Dio è buono, allora perché c’è il male? Questa domanda ossessiona gli uomini da sempre.
Con uno stile colloquiale ho tentato di chiarire come nella storia le filosofie e i pensatori dai tempi antichi sino a oggi abbiano spiegato questa contraddizione terribile. Parlo di filosofie, religioni, pensieri e avventure dell'umanità, illustrando al meglio le risposte inventate dagli uomini per sopportare il peso di questa domanda.
Sono molto interessato alle vostre opinioni.
Grazie mille
ABN

Il titolo è ALTRI DEI, di Andrea B. Nardi, edito da Eumeswil Edizioni (distribuito PDE).
Prefazione di Giulio Mozzi.

Si trova nelle librerie Feltrinelli, oppure on-line qui:

http://www.lafeltrinelli.it/products....y=0&cat1=&prm

Altre notizie sul sito dell’autore qui : http://www.andreanardi.it/altridei.php
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 03-12-2009, 05:24 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 7
predefinito Se Dio

L'equivoco nasce dal fatto che separiamo Dio dagli uomini, con ciò limitandolo. Già la sapienza orientale ci dice che "Tu sei Quello", del resto è chiaro che ogni cosa è in Dio, anche quello che chiamiamo "male", nel senso che ogni cosa che accade, proprio perché accade, risponde ad un principio evolutivo, in essa c'è possibile insegnamento. Come scriveva Nietzsche, Dio è al di là del bene e del male umanamente intesi. Tanto che perfino il diavolo rappresenta un ostacolo atto a rinforzarci. Anche il diavolo è necessariamente IN DIO.
Tutto questo naturalmente non sono io ad affermarlo...
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 03-17-2009, 06:17 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 12
predefinito

[, illustrando al meglio le risposte inventate dagli uomini per sopportare il peso di questa domanda.


Hai detto bene. Condivido il senso della frase riportata (se l'ho bene interpretata). Io credo che Dio nasca dal bisogno degli uomini per guardare oltre la certezza della propria fine.
Rispondi quotando
  #4 (permalink)  
Vecchio 03-18-2009, 12:27 AM
Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 99
predefinito Dio e il male...

Quote:
Originariamente inviata da abn Visualizza il messaggio
Se Dio è buono, allora perché c’è il male? ...........Questa domanda ossessiona gli uomini da sempre.

Io penso che la presenza del male, va contro alla esistenza d'un Creatore esclusivamente buono.
Dio.... forse puo' NON esistere ...perche' non avrebbe potuto creare il male andando contro quindi alla propria logica!
Forse può NON esistere.... infatti non puo' essere "solamente" buono proprio perche' ha creato il male ...e nonostante i suoi poteri illimitati non si rende perfettamente comprensibile agli uomini.
Ammesso e non concesso che esista un essere perfetto,
perche' non si mostra, permettendoci di capire le sue vie misteriose ...anziche' lasciarci in balia della sola fede?

Raffaella
Rispondi quotando
  #5 (permalink)  
Vecchio 03-18-2009, 09:56 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 7
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Violetta Visualizza il messaggio
Io penso che la presenza del male, va contro alla esistenza d'un Creatore esclusivamente buono.
Dio.... forse puo' NON esistere ...perche' non avrebbe potuto creare il male andando contro quindi alla propria logica!
Forse può NON esistere.... infatti non puo' essere "solamente" buono proprio perche' ha creato il male ...e nonostante i suoi poteri illimitati non si rende perfettamente comprensibile agli uomini.
Ammesso e non concesso che esista un essere perfetto,
perche' non si mostra, permettendoci di capire le sue vie misteriose ...anziche' lasciarci in balia della sola fede?

Raffaella
In realtà si mostra ogni mattina...quando ti guardi allo specchio.
Rispondi quotando
  #6 (permalink)  
Vecchio 03-18-2009, 11:35 PM
Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 99
predefinito invidia...

Quote:
Originariamente inviata da turbociclo Visualizza il messaggio
In realtà si mostra ogni mattina...quando ti guardi allo specchio.
Ti invido per la tua Fede...
Rispondi quotando
  #7 (permalink)  
Vecchio 03-23-2009, 04:19 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 5
predefinito

Mi sembra che fossero gli stoici a credere che ogni cosa fosse stata creata da Dio a fin di BENE.
Vedevano in Dio un'entità perfetta e razionale che governava in maniera assolutamente perfetta l'andamento di tutto il mondo. Il male era visto da loro NON come una vera e propria mancanza di bene. Al contrario come un mezzo che porta alla realizzazione del BENE ultimo (che si rispecchia quindi nel progetto divino, che è buono).

è molto rassicurante questa fisica stoica XD
Perciò mi piace e ho motivo di credere che il mondo forse gira proprio così. =)

"Non tutto il male vien per nuocere"... come si dice...
Rispondi quotando
  #8 (permalink)  
Vecchio 03-23-2009, 04:37 PM
Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 99
predefinito Dio e il male...

Quote:
Originariamente inviata da devious_devoir Visualizza il messaggio
........... Il male era visto da loro ..........come un mezzo che porta alla realizzazione del BENE ultimo .
Perciò mi piace e ho motivo di credere che il mondo forse gira proprio così. .D

....e i bambini che muoiono di fame?
Qual'è il loro "bene ultimo" se nel frattempo non hanno pane, non hanno latte...................................
(per citare la classica frase che ognuno di noi prende ad esempio....)

Violetta
Rispondi quotando
  #9 (permalink)  
Vecchio 06-13-2009, 01:10 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jun 2009
Messaggi: 12
predefinito

esiste poi la teoria dell'orologiaio, secondo la quale Dio ha creato l'Universo e ora lo osserva senza intervenire
Rispondi quotando
  #10 (permalink)  
Vecchio 06-30-2009, 10:35 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 7
predefinito

Esiste anche la teoria secondo cui NOI siamo Dio, o per meglio dire una infinitesimale parte di Lui. E a me suona assai meglio, andare oltre la dualità...col "fatti a immagine e somiglianza". In tal senso, possederemmo un'anima, specchio capace di riflettere l'infinito. Non lo fa solo perché lo abbiamo sporcato di fango...possiamo pulirlo.
Rispondi quotando
  #11 (permalink)  
Vecchio 01-05-2010, 01:09 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2010
ubicazione: Roma
Messaggi: 17
predefinito

Ciao a tutti, mi chiamo Andrea. Prima di tutto vorrei presentarmi perchè sono nuovo, lo faccio qui dopo aver letto che è stata tolta la sezione dedicata alle Presentazioni.
Ho scelto di scrivere proprio in questa discussione il mio primo post nel forum proprio per l'interesse che ho verso quest'argomento e mi stupisce che non ci sia la sezione "Filosofia" per poter discutere di simili temi, ma forse semplicemente non l'ho vista.
Il problema di conciliare l'esistenza di Dio con quella del male, non ha facile soluzione, ma penso che definire i due concetti contraddittori sia eccessivo. La stessa religione cattolica ammette il male e anzi esso è protagonista anche nei primi libri della Bibbia, con il peccato originale, o l'assassinio di Abele. Il vero problema consiste nel conciliare il governo di Dio con l'esistenza del male, perchè un Dio buono non dovrebbe fare del male nè permettere la sua azione sugli uomini. Però vi invito ad una riflessione cui mi ha spinto il bel libro (che vi consiglio) "Disputa su Dio e dintorni" di Corrado Augias e Vito Mancuso. Chi è che compie il male, Dio o gli uomini? Se io ora uscissi di casa e investissi qualcuno, sarebbe colpa di Dio o mia? Secondo me è il concetto di "Governo di Dio" che va rivisto. Egli non comanda le nostre azioni e non muove i nostri corpi, altrimenti addio caro libero arbitrio. L'opera di Dio su di noi si interrompe nel momento in cui prendiamo coscienza di noi e possiamo usufruire a nostro piacimento della nostra libertà. Per dirla come Sant'Agostino, Dio è deresponsabilizzato del male, perchè esso viene dalla libertà, che è quel territorio che il Divino lascia alle sue creature perchè lo usino come desiderano. L'ovvia obiezione a questo mio pensiero è il richiamo alle catastrofi naturali sui cui l'uomo a ben poca influenza. Ma anche il cosmo ha una sua vita che prosegue indipendentemente dal creatore, il cui disegno divino non si sofferma su ogni temporale o terremoto, ma ha un più ampio "campo visivo".
Rispondi quotando
  #12 (permalink)  
Vecchio 01-05-2010, 09:00 AM
Member
 
Registrato dal: Jan 2010
Messaggi: 30
predefinito

Non credo che sia un interrogativo che si può porre. Bisognerebbe addentrarsi un una discussione infinita su quello che è il bene ed il male, e su quest'argomento i filosofi hanno versato fiumi di inchiostro senza poter dimostrare niente, ma solo per il bisogno di parlarne.
Potrebbe sembrare che fosse un argomento che giustificasse la perdita della fede, o una prova contro l'esistenza di Dio, ma non penso che sia così.

La fede se è un "dono" è al di sopra da tutte queste considerazioni.
Il solo porre il problema significa non avere la "vera" fede.

Poi se ci pensiamo bene il male sono solo le facce di una stessa medaglia, se non si fosse il male non ci sarebbe neanche il bene... Ma come era prevedibile questo ci porta ad incamminarci verso una strada senza fine.

Difatti per coloro che credono tutto ciò significa solo girare intorno ad un mistero
il mistero di Dio.

Ciao
Giovanni
Rispondi quotando
  #13 (permalink)  
Vecchio 01-05-2010, 03:03 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2010
ubicazione: Roma
Messaggi: 17
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da gio_46 Visualizza il messaggio
La fede se è un "dono" è al di sopra da tutte queste considerazioni.
Il solo porre il problema significa non avere la "vera" fede.
Mi permetto di dissentire da questa tua precisazione. Prima di tutto, definire la fede un dono implica conseguenze di non poco conto, come ad esempio la teoria della predestinazione che è però tipica della religione protestante piuttosto che cattolica. Inoltre, sempre secondo il mio modesto parere, porsi problemi come questo non significa nono possedere la "vera" fede, ma solo ascoltare quella parte più terrena di noi, che ci spinge ad utilizzare la razionalità in molti campi. Ciò che tu dici, significa scindere definitivamente fede e ragione, ma questo a mio avviso porta solo a un punto morto. Il richiamo che tu stesso fai al concetto di "mistero", è lo stesso cui si appellano le istituzioni religiose ogniqualvolta si imbattono in dilemmi insolvibili, ma non è e non può essere un ostacolo insormontabile. I misteri sono, per definizione, sondabili e risolvibili, forse la ragione umana può solo accontentarsi della Dotta Ignoranza di cui parlava Cusano, perchè incapace di progredire oltre, ma non deve fermarsi. Se facessimo tutti come dici tu, ovvero ignorare le voci della razionalità, dovremmo rifiutare persino la teoria evoluzionistica di Darwin, che ormai è universalmente accettata anche dalla Chiesa cattolica.

Andrea
Rispondi quotando
  #14 (permalink)  
Vecchio 01-05-2010, 04:40 PM
Member
 
Registrato dal: Jan 2010
Messaggi: 30
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da AndreaC Visualizza il messaggio
Mi permetto di dissentire da questa tua precisazione. Prima di tutto, definire la fede un dono implica conseguenze di non poco conto, come ad esempio la teoria della predestinazione che è però tipica della religione protestante piuttosto che cattolica.
Si parla di "misteri" della fede, ma essa stessa è un mistero. Questa discussione ne è la conferma; difatti il solo il tentativo di definirla può portare ad interpretazione errate. La definizione di "dono" mi pare che in realtà, se una definizione si "cerca" di darla, sia l'unica che se ne può dare.
Però un "dono" che l'uomo deve essere aperto ad accogliere, ma che può anche rifiutare, in virtù della sua libertà.

Quote:
Il richiamo che tu stesso fai al concetto di "mistero", è lo stesso cui si appellano le istituzioni religiose ogniqualvolta si imbattono in dilemmi insolvibili, ma non è e non può essere un ostacolo insormontabile. I misteri sono, per definizione, sondabili e risolvibili..........,
se un mistero fosse sondabile e risolvibile non sarebbe più un mistero

Quote:
forse la ragione umana può solo accontentarsi della Dotta Ignoranza di cui parlava Cusano, perchè incapace di progredire oltre, ma non deve fermarsi. Se facessimo tutti come dici tu, ovvero ignorare le voci della razionalità, dovremmo rifiutare persino la teoria evoluzionistica di Darwin, che ormai è universalmente accettata anche dalla Chiesa cattolica.
Andrea
Non ignoro la voce della razionalità, e non metto in contrapposizione fede e ragione, ma anzi dico che parlare di misteri e di fede da un punto di vista razionale non è razionale.

Giovanni
Rispondi quotando
  #15 (permalink)  
Vecchio 01-05-2010, 04:51 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jan 2010
ubicazione: Roma
Messaggi: 17
predefinito

Sul concetto di fede come dono ti ringrazio per la precisazione ed ora è chiaro quale fosse il tuo intento. Sul concetto di mistero ho qualcosa da dire. Se lo intendi in questi termini, allora avresti dovuto dire "misteri della fede", che significa dogma, perchè sono i dogmi quei territori insondabili cui l'uomo lascia la razionalità per abbandonarsi alla fede. Se, dunque, ti riferisci ai dogmi, allora sono d'accordo sul fatto che la ragione non serve, ma l'esistenza del male non può definirsi un dogma della religione. Questo perchè il male esiste e possiamo constatarlo tutti senza particolari sforzi, mentre andando ad esaminare gli altri dogmi della cristianità, vediamo che sono tutti degli eventi "fantastici" che, se usassimo la ragione, saremmo portati a negare. Il problema del male è che, utilizzando la ragione, constatiamo la sua esistenza, e questo ci spinge a relazionarci con esso, nel tentativo di conciliarlo con l'immagine di Dio. Il termine "mistero", associato a questo problema, non identifica un dogma, bensì un arcano e, come tale, risolvibile.




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
perché l'Onda diventi Tsunami giovannigenovesi Politica 0 01-22-2009 12:24 AM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 12:23 PM.


© Copyright 2015 by ghisirds.com - P.IVA 02309010359 - Privacy Policy - Cookie Policy