Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Materie di Scuola > Politica


Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio Consigli per velocizzare pc (non i soliti)  04-02, 18:39  stvpls  0  2113   Informatica
Vecchio WINDOWS non vede più periferiche  04-02, 18:28  stvpls  3  8313   Informatica
Vecchio Molarità e molalità soluzione HNO3 contenente 37,23% di acido  27-01, 19:14  MatteoGG  2  4236   Chimica
Vecchio Le sagre  26-01, 17:19  Pallottola  4  5970   Off Topic
Vecchio Un post al giorno per sempre!  26-01, 17:19  Pallottola  3  6990   Off Topic
Vecchio Le proteine in polvere fanno male?  26-01, 17:18  Pallottola  6  7429   Off Topic
Vecchio del mangiare e bere bene. questione Coca Cola.  26-01, 17:17  Pallottola  8  36469   Cucina
Vecchio Margherita Hack  26-01, 17:17  Pallottola  7  7885   Animali, Fiori, Piante
Vecchio Pianta carnivora facile da coltivare?  26-01, 17:16  Pallottola  5  18552   Animali, Fiori, Piante
Vecchio Viaggiare in bici all'estero  26-01, 17:15  Pallottola  4  7317   Viaggi

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 03-15-2009, 12:21 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 17
predefinito Chi e' veramente berluska

Chi e' veramente berluska


CHI E' VERAMENTE BERLUSKA
Berluska era figlio di un modesto funzionario di una piccola banca privata milanese,
per campare faceva il chansonnier sulle navi da crociera.
hai idea di dove ha trovato i soldi per lottizzare un TERRENO AGRICOLO
di proprietà dei marchesi Casati Stampa, tra Vimodrone, Cologno ?
e l' aeroporto Forlanini ? ... area dove nacque poi Milano 2 che costò tra il 1967 ed il 1975 ben 450 miliardi ...
dove li trovò i soldi questo Genio della Politica ?

Mai sentito parlare di banche svizzere depositarie di fondi oscuri
ad amministrazione socialista milanese ? (Aniasi-Tognoli-Pilitteri)
con Craxi presidente del Consiglio.
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 03-17-2009, 07:23 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 12
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da zhukov Visualizza il messaggio
CHI E' VERAMENTE BERLUSKA
Berluska era figlio di un modesto funzionario di una piccola banca privata milanese,
per campare faceva il chansonnier sulle navi da crociera.
hai idea di dove ha trovato i soldi per lottizzare un TERRENO AGRICOLO
di proprietà dei marchesi Casati Stampa, tra Vimodrone, Cologno ?
e l' aeroporto Forlanini ? ... area dove nacque poi Milano 2 che costò tra il 1967 ed il 1975 ben 450 miliardi ...
dove li trovò i soldi questo Genio della Politica ?

Mai sentito parlare di banche svizzere depositarie di fondi oscuri
ad amministrazione socialista milanese ? (Aniasi-Tognoli-Pilitteri)
con Craxi presidente del Consiglio.
E pensi che ai cittadini, con le arie che tirano, gliene freghi molto del fatto di chi è Berluska?
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 03-18-2009, 08:28 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 17
predefinito

se lei chiede in giro non trova uno che abbia il coraggio di dire che ha votato per lui, questo dimostra che in fondo si vergognano, il mio post serve a ricordarglielo.
Rispondi quotando
  #4 (permalink)  
Vecchio 03-18-2009, 10:12 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 17
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da zhukov Visualizza il messaggio
se lei chiede in giro non trova uno che abbia il coraggio di dire che ha votato per lui, questo dimostra che in fondo si vergognano, il mio post serve a ricordarglielo.
e se poi pensa che il 70% del suo elettorato e' composto da massaie pensionati..per la meta' analfabeti! con il cervello rincoglionito.
Rispondi quotando
  #5 (permalink)  
Vecchio 03-19-2009, 12:50 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 12
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da zhukov Visualizza il messaggio
e se poi pensa che il 70% del suo elettorato e' composto da massaie pensionati..per la meta' analfabeti! con il cervello rincoglionito.
E' un vecchio limite della sinistra italiana l'affermazione, quando perde le elezioni, che gli elettori non hanno capito (per ignoranza) le loro poposte. Al massimo arrivano a sostenere di essersi spiegati male. Nasce dalla vetero concezione degli intellettuali intesi come classe guida.
Io al contrario credo che i cittadini capiscano meglio di quanto noi pensiamo. Vedono, valutano e poi decidono.
Rispondi quotando
  #6 (permalink)  
Vecchio 03-21-2009, 08:44 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 5
Exclamation

Quote:
Originariamente inviata da bithos Visualizza il messaggio
Io al contrario credo che i cittadini capiscano meglio di quanto noi pensiamo. Vedono, valutano e poi decidono.

Si... i cittadini vedono valutano e poi decidono...
VEDONO l'abbindolamento
VALUTANO secondo i propri stretti egoistici interessi
DECIDONO che con al governo certa gente cresceranno soldi al posto di foglie. (Magari nel Campo dei Miracoli XD)

E la cosa che mi spaventa di più è che il popolo italiano SA che razza di gente c'è al governo.
"Berlusconi ha fatto soldi, li farà fare anche a noi" -> non dimentichiamo un "COME LI HA FATTI QUESTI SOLDI"?

E... la maggior parte di chi ha votato sono sicura che questa domanda se l'è posta, e ha saputo anche darsi la risposta giusta. Che poi la maggior parte delle crocette siano cadute lo stesso lì lo sappiamo... . Ma io non scuserei nessuno con l'ignoranza.

Tutto ciò la dice lunga sul popolo italiano.
Rispondi quotando
  #7 (permalink)  
Vecchio 03-23-2009, 10:48 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 12
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da devious_devoir Visualizza il messaggio
Si... i cittadini vedono valutano e poi decidono...
VEDONO l'abbindolamento
VALUTANO secondo i propri stretti egoistici interessi
DECIDONO che con al governo certa gente cresceranno soldi al posto di foglie. (Magari nel Campo dei Miracoli XD)

E la cosa che mi spaventa di più è che il popolo italiano SA che razza di gente c'è al governo.
"Berlusconi ha fatto soldi, li farà fare anche a noi" -> non dimentichiamo un "COME LI HA FATTI QUESTI SOLDI"?

E... la maggior parte di chi ha votato sono sicura che questa domanda se l'è posta, e ha saputo anche darsi la risposta giusta. Che poi la maggior parte delle crocette siano cadute lo stesso lì lo sappiamo... . Ma io non scuserei nessuno con l'ignoranza.

Tutto ciò la dice lunga sul popolo italiano.
Qualunque sia la ragione della scelta è indiscutibile che essa costituisce la materializzazione del principio democratico per il quale i cittadini scelgono i loro rappresentanti sulla base delle loro autonome valutazioni e dei loro interessi.
Sostenere, come sostiene qualcuno, che i cittadini non capiscono oppure hanno interessi esecrabili è una affermazione largamente utilizzata da quei regimi, sconfitti dalla storia, che riservavano alle elites intellettuali il compito di decidere ed orientare le masse.
Rispondi quotando
  #8 (permalink)  
Vecchio 03-23-2009, 04:56 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 17
predefinito

Sembra quasi che scrivere contro Berlusconi sia una moda, un pallino, una mania, una folle perversione di tutti coloro che non lo sopportano. La verità è che è impossibile far finta di nulla ogni volta che si è presi per il culo. Si scrive, se non altro, per non finire nel calderone dei poveretti che si lasciano passare tutto addosso senza accorgersi di nulla.
Lo si fa perchè è un modo per far sapere al mondo che non siamo degli imbecilli. Lo si fa consci del fatto che la maggioranze del paese, come ampiamente dimostrato, non rientra nella parte sana di mondo. E quella parte sana, politicamente, in Italia, non esiste.
Rispondi quotando
  #9 (permalink)  
Vecchio 03-23-2009, 05:02 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Mar 2009
Messaggi: 12
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da zhukov Visualizza il messaggio
Sembra quasi che scrivere contro Berlusconi sia una moda, un pallino, una mania, una folle perversione di tutti coloro che non lo sopportano. La verità è che è impossibile far finta di nulla ogni volta che si è presi per il culo. Si scrive, se non altro, per non finire nel calderone dei poveretti che si lasciano passare tutto addosso senza accorgersi di nulla.
Lo si fa perchè è un modo per far sapere al mondo che non siamo degli imbecilli. Lo si fa consci del fatto che la maggioranze del paese, come ampiamente dimostrato, non rientra nella parte sana di mondo. E quella parte sana, politicamente, in Italia, non esiste.
Ecco, per l'appunto.....
Rispondi quotando
  #10 (permalink)  
Vecchio 05-04-2009, 04:58 PM
Junior Member
 
Registrato dal: May 2009
Messaggi: 1
predefinito

beh ragazzi uno che si fa chiamare papi....perfino la moglie ..lo ha abbandonato, mi sembra che ultimammente abbia perso parecchi colpi...
www.listapenati.it
Rispondi quotando
  #11 (permalink)  
Vecchio 06-14-2009, 05:44 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Nov 2008
Messaggi: 18
predefinito

ogni tanto mi riguardo questo video...
Rispondi quotando
  #12 (permalink)  
Vecchio 07-22-2009, 11:01 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Apr 2008
Messaggi: 16
predefinito

Io sono d'acccordo con bithosl. Pubblico un articolo tratto da http://www.camelotdestraideale.it/tag/operai/ che parla di questo argomento.

Quote:
“Quelle che amo di più sono le persone che possibilmente non abbiano fatto neanche la quarta elementare, cioè le persone assolutamente semplici. Non lo dico per retorica, ma perché la cultura piccolo borghese, almeno nella mia nazione (ma forse anche in Francia e in Spagna), è qualcosa che porta sempre a delle corruzioni, a delle impurezze. Mentre un analfabeta, uno che abbia fatto i primi anni delle elementari, ha sempre una certa grazia che poi va perduta attraverso la cultura. Poi si ritrova a un altissimo grado di cultura, ma la cultura media è sempre corruttrice” (Pier Paolo Pasolini, 1971).

Ecco, nella sinistra italiana, e lo stiamo appurando anche in questi giorni, c’è sempre qualcosa di estremamente elitario, snobistico, aristocratico - nel senso deteriore del termine - e classista.

Pasolini amava solo gli analfabeti, perché in essi era intatta l’ignoranza che li rendeva, ai suoi occhi, attraenti, affascinanti, degni di attenzione. Quasi li considerasse una sottospecie umana, da osservare come si fa con dei pesci rari, sopravvissuti per di più alle leggi evolutive e chiusi in un acquario. “Io uomo, tu bestia”; questa, la traduzione del suo sentire.

Pasolini non si rendeva nemmeno conto che attraverso la “cultura media”, quegli analfabeti - di cui parlava - avrebbero potuto migliorare la propria condizione di vita, trovare un lavoro più dignitoso e meno usurante. Semplicemente non gli interessava. “Sua maestà, il popolo è in rivolta. Ha fame”, “E allora dategli dei croissants”. Questo, l’approccio di Pasolini - che berciava contro il capitalismo e il consumismo, ma soleva guidare un’Alfa Romeo 2000, dal valore non inferiore agli attuali 35-40.000 euro - alla questione-povertà.

Perché i poveri - gli ultimi, i diseredati - per buona parte della sinistra sono sempre e solo stati un slogan. Utile a raccattare voti.

Luigi Pintor, fondatore de il Manifesto:

“Qualsiasi sommossa di schiavi, da Spartaco in poi, ha il potere di sedurmi malgrado il costo e la vanità dell’impresa. Rivoluzionario nella vita pubblica, sono tuttavia rimasto profondamente borghese nel privato, senza trovare un’armonia tra comportamenti intimi e ideali pubblici. Io non c’entro niente con il mondo di cui ho parlato per una vita. Un po’ come molti intellettuali di sinistra”.

“Non sanno niente della realtà di cui si occupano. I vecchi comunisti cercavano di porre rimedio alla scissione, invitando noi giovani borghesi a mescolarci nelle mense con gli operai. Era un rimedio ingenuo, illusorio. La sinistra è rimasta quanto di più lontano dalle pulsioni degli uomini. La destra vincerà le elezioni proprio perché intercetta i bisogni reali degli individui”.

Già, la destra vince perché intercetta i “bisogni reali degli individui”. E ciò facendo, raccoglie il plauso e il consenso anche di Cipputi.

Orrore, vergogna, tradimento: le parole che a sinistra, molto pacatamente, usano - in questi giorni - per condannare le scelte di voto degli operai. I quali, sono meritevoli di attenzione, non già perché “ultimi”. Ma perché “utili”.

Ma se cessano di esserlo, che vadano a farsi fottere. Non sono più “analfabeti”, non hanno più solo “la quarta elementare”, sono divenuti “corrotti”, hanno “cultura media”. Che inizino a roteare le sciabole, dunque:

“La generazione di operai che arriva intorno ai 30-35 anni è in larga parte persa. Sono rimbambiti dalla televisione, dei deficienti”.

“Hanno il mito dell’uomo forte, di quello che risolve problemi. Senza tener conto dell’immagine da galletto tra le donne che Berlusconi continua a propagandare. C’è da mettersi le mani nei capelli”.

Già, sono rimbambiti da quella stessa televisione che è divenuta tanto amata a sinistra, perché ha proclamato vincitrice di un reality, una transessuale comunista; e - in un altro caso - un rom con un’infanzia tragica. Roba da “mettersi le mani nei capelli”.

Un po’ come ieri sera.

L’avete vista la puntata di Annozero? Penso proprio di sì.

Bene, per tutta la trasmissione, il soviet supremo convocato da Santoro - per celebrare l’ennesimo processo contro Berlusconi - ha posto all’attenzione dell’opinione pubblica, un inquietante interrogativo: “Ma com’è possibile che Berlusconi conosca Elio Letizia (padre della celeberrima Noemi), visto che quest’ultimo è un “umile messo comunale””?

Ohibò. Berlusconi non può conoscere un “umile messo comunale”? E perché mai? I messi comunali - in ispecie quelli napoletani - sono affetti da qualche rara - e contagiosa - malattia?

O forse lorsignori sinistri, e mi sa che questa è la verità, volevano lasciare intendere che da che mondo è mondo, i ricchi non frequentano i poveri?

Forse è vero. Dico di più: sicuramente è vero per lorsignori sinistri. Di questo non dubito.

Ma Berlusconi, in verità, frequenta chiunque: a cominciare da uno chansonnier napoletano, che prima di incontrarlo viveva chiedendo l’elemosina fuori ai ristoranti (mi riferisco a Mariano Apicella).

Che puzza di plebe, direbbero a sinistra?

Noi non la sentiamo, perché è la nostra.
__________________
« Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre »

http://barcentrale.wordpress.com/




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo



Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 01:30 PM.


© Copyright 2008-2021 by Web Agency Reggio Emilia - P.IVA 02309010359 - Privacy Policy e impostazioni Cookie