Vai indietro   Scuola forum (scuo.la) - Forum di discussione per le scuole > Materie di Scuola > Consumo Critico


Top 5 Stats
Latest Posts
Discussione    data, Ora  invio  Risposte  Visite   Forum
Vecchio TENSIONE DI USCITA DI UN AMPLIFICATORE INVERTENTE  17-08, 09:56  AbbasoLaSquol...  0  2021   Elettronica
Vecchio Accensione di due gruppi di lampade comandata da un punto il rele di commutazione  13-08, 08:44  AbbasoLaSquol...  0  696   Elettronica
Vecchio Grandezze e misure – esercizi: durata incontro di tennis  10-08, 07:56  AbbasoLaSquol...  0  872   Matematica
Vecchio Calcolo tensione ai capi di tre diodi in serie  09-08, 08:03  AbbasoLaSquol...  0  541   Elettronica
Vecchio Esercizio sugli insiemi - Tutti in palestra  08-08, 08:27  AbbasoLaSquol...  0  526   Matematica
Vecchio Calcolo della corrente e tensione di uscita di un amplificatore operazionale  05-08, 08:17  AbbasoLaSquol...  0  677   Elettronica
Vecchio Accensione di un gruppo di lampade comandata da un punto: il relè di interruzione.  04-08, 08:02  AbbasoLaSquol...  0  666   Elettronica
Vecchio GRANDEZZE E MISURE – ESERCIZI: RAGGRUPPARE GRANDEZZE OMOGENEE  29-07, 08:19  AbbasoLaSquol...  0  612   Matematica
Vecchio redox  28-07, 12:58  grazia184  0  1062   Chimica
Vecchio Grandezze e misure – esercizi: equivalenze con misure di superficie (metodo 2)  26-07, 08:12  AbbasoLaSquol...  0  702   Matematica

Rispondi
 
LinkBack Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 07-08-2008, 06:09 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jul 2008
Messaggi: 1
predefinito Esperienze con i pannolini ecologici al mais, mater-bi o pla

Esperienze con i pannolini ecologici al mais, mater-bi o pla


Un saluto a tutti.
Sono venuto di recente a conoscenza che per i nostri bambini esistono, oltre ai pannolini ecologici lavabili, i pannolini al mais costruiti in mater-bi o pla, praticamente il materiale con cui sono costruiti i sacchetti che si utilizzano per raccogliere l'umido nella raccolta differenziata.
Prima di procedere all'acquisto però, volevo sapere da chi di voi li avesse già acquistati e provati sui loro bambini, se li ha trovati comodi o no, quali sono le differenze rispetto ai pannolini classici e dove si possono acquistare al miglior prezzo, magari online.
Un grazie anticipato a chiunque mi risponderà.
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 07-08-2008, 09:23 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jun 2007
Messaggi: 12
predefinito

Una mia amica utilizza i Bio Baby e dice che puzzano anche meno degli altri quando sono pieni...
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 07-09-2008, 02:27 PM
Ira Ira non è in linea
Junior Member
 
Registrato dal: May 2008
Messaggi: 4
predefinito

Qua c'è spiegato qualcosa sui prodotti Mater-Bi realizzati da Novamont:
http://www.volontariperlosviluppo.it..._2/03_2_21.htm
Rispondi quotando
  #4 (permalink)  
Vecchio 07-09-2008, 02:46 PM
Junior Member
 
Registrato dal: May 2008
Messaggi: 14
predefinito

Anche la W.I.P. (wellness innovation project) li produce, ma non è ben chiaro se sono completamente biodegradabili: dando un'occhiata veloce al catalogo sembra che una parte minima del pannolino sia comunque di materiale tradizionale.
Rispondi quotando
  #5 (permalink)  
Vecchio 07-09-2008, 03:29 PM
Administrator
 
Registrato dal: Jun 2007
Messaggi: 647
predefinito

E infatti è così, sono biodegradabili all'80%.
Sul sito il vero momon, ho trovato una guida interessante sui pannolini ecologici (parzialmente), i tradizionali, i lavabili e sulla vita senza pannolini.
Allego la guida in formato pdf (da leggere tutta in quanto molto interessante) e copio incollo il pezzo che parla delle esperienze con i pannolini ecologici.
Buona lettura!

Quote:
LA NOSTRA ESPERIENZA
Molte mamme del nostro gruppo di lavoro conoscono e hanno usato Moltex, molte meno conoscono i pannolini Wip che sono entrati in produzione solo dal 2006. Con Moltex si sono trovate tutte bene: buona assorbenza e serenità nel pensare il pannolino privo delle più nocive sostanze tossiche. Adesso che hanno saputo che compravano pannolini “quasi tradizionali” a un prezzo notevolmente maggiore, sono decisamente meno contente: il loro impegno era non fare indossare ai figli i pannolini sintetici, cosa che si è rivelata non vera. Inizialmente i pannolini Wip hanno dato qualche problema: essendo di nuovissima produzione e particolarmente curati per dare la maggior sostenibilità possibile, la prima produzione in commercio conteneva un quantitativo troppo basso di materiali superassorbenti: le mamme vedevano il sederino del bambino spesso bagnato e in molte li hanno abbandonati.
A questa prima sperimentazione e produzione ne sono seguite altre, sempre più calibrate nei componenti, e attualmente le mamme si dichiarano soddisfatte dall'assorbenza del pannolino. Nelle attuali produzioni non c’è l’adesivo ma un velcro efficace che permette di aprire e chiudere il pannolino tutte le volte che si vuole.
Confrontando i due pannolini alcune mamme si sono chieste se il materiale esterno dei pannolini Wip fosse sintetico perchè a differenza dei Moltex che sono rivestiti di un classico tessuto per pannolini, i Wip hanno una consistenza diversa. In realtà il materiale esterno è del pannolino Wip è in fibra (film) di Mater-Bi (amido di mais), completamente naturale, mentre i Moltex usano un materiale più piacevole al tatto esternamente, ma alla verifica dei fatti sintetico. Wip non aggiunge questo strato più piacevole all'esterno, perché inutile, costoso e limita la naturale traspirazione.
Abbiamo contattato Wip per diversi chiarimenti. Si sono dimostrati molto disponibili e trasparenti nelle informazioni.
Un altro dato importantissimo è di tipo etico: poiché Wip produce pannolini-bimbo con uno specifico interesse ambientale e sociale, i costi vengono tenuti decisamente bassi rispetto alla qualità del prodotto. Per questo motivo costano come i Moltex pur offrendo una qualità non presente in nessun altro prodotto sul mercato.

PREZZI
Moltex e Wip si equiparano come prezzi, pressoché identici tranne che nella prima taglia, più costosa per Wip.
CONSIGLI D'USO
Valgono i consigli d'uso già forniti per i pannolini tradizionali, in particolare:
- Cambiare il pannolino al massimo ogni 4 ore durante il giorno e possibilmente non oltre le 7 ore di notte;
- Lasciare il bambino senza pannolino almeno un’ora al giorno;
- Togliere il pannolino in un’età adeguata;
- Pulizia del pannolino;
- Alternative e integrazioni al pannolino.

LE NOSTRE DOMANDE ALLE AZIENDE
Alleghiamo una sintesi della nostra intervista a Wip:

Potete spiegarci con esattezza di cosa sono fatte le palline di gel sintetico che vengono utilizzate nei pannolini?
Il gel è polyacrilato, un composto di sintesi derivato dall'acido acrilico di cui vengono prodotti attualmente nel mondo circa 2 milioni di tonnellate l'anno. La maggior parte di tale quantitativo è utilizzato proprio nei pannolini e anche noi lo utilizzeremo fintanto che non troveremo l'alternativa, che arriverà presumibilmente a inizio 2008.
Utilizziamo questo materiale di sintesi per due ragioni:
1. Limita la quantità di cellulosa necessaria per assorbire i liquidi, evitandoci di dover produrre un pannolino spesso 4 centimetri e soprattutto evitando che i liquidi in eccesso tornino in superficie una volta impregnato il pannolino, tenendo bagnata la pelle del bambino. Quando i superassorbenti vengono mescolati con il fluff di cellulosa, è più facile che escano dai filtri esterni ed entrino in contatto con la pelle del bambino (i famosi gel che le mamme trovano sul sederino dei bimbi quando tolgono il pannolino). Di per sé non sono pericolosi, ma in una situazione di criticità – come quella dei bambini che portano i pannolini 24 ore al giorno per due anni o più – diventano abrasivi a contatto con la pelle. La Wip li mette all'interno degli strati di cellulosa, in modo che non arrivino mai in superficie.
2. Non si può fare a meno dei gel superassorbenti se si vuole che il sederino rimanga “asciutto”.
Ci sono studi e ricerche avanzate per alternative credibili; pensiamo entro fine anno di avere a disposizione in esclusiva un superassorbente, al cui sviluppo stiamo contribuendo, che sarà di origine totalmente naturale come quello che impieghiamo negli assorbenti per donna NATURAÈ. Per quelli sintetici si possono trovare informazioni su Internet digitando: “superassorbenti in polyacrilato” o sui siti BASF e DEGUSSA.

Quali sono i materiali usati nei pannolini tradizionali?
I materiali utilizzati da tutti al momento, sono almeno 10:
- Filtranti esterni: non-tessuto spundbond o thermobond di polipropilene (PP), trattato idrofilico (per migliorare la capacità di filtrazione altrimenti scarsa);
- Anima assorbente: fluff di cellulosa, normalmente ECF (cioè pretrattata con cloro) e gel superassorbente (SAP);
- Barriere laterali: non-tessuto spundbond di Polipropilene;
- Elastici in lattice sintetico;
- Fascia addominale con chiusure in plastica di Polipropilene o altro materiale sintetico;
- Fascia tipo velcro per agganciare il pannolino in materiale sintetico;
- Film barriera esterno in Polietilene o Poliuretano (quasi sempre nascosto da un altro tessuto esterno in polipropilene per conferire al pannolino l’aspetto “meno plasticoso”);
- Collanti hot melt sintetici;
- Coloranti.
NB: Esistono anche modelli più complessi di quello descritto.

Cosa sono e che valore hanno i vari test di ipoallergenicità di cui tante ditte vantano certificati sulle proprie confezioni?
I pannolini sono testati da una clinica dermatologica autorizzata a rilasciare attestati che dimostrino che i materiali utilizzati, messi a contatto con la pelle di circa 20 volontari che normalmente soffrono di intolleranze, non creano irritazioni.
In tutto questo non vengono in realtà analizzati i risultati dei pannolini addosso a bambini in cui il problema delle irritazioni non ha nulla a che fare con le allergie.

Cosa ci dite della cellulosa non sbiancata?
La cellulosa non sbiancata per noi è una bestialità perché la cellulosa si ricava spappolando gli alberi e questo processo non è certo “asettico”. Al contrario si usa il candeggio (con acqua ossigenata, quindi con molecole biodegradabili presenti in natura) per eliminare il contenuto batterico altrimenti presente. Inoltre la cellulosa non trattata assorbe meno di quella igienizzata e quindi il pannolino richiede più superassorbente per essere efficace. L’effetto scolorante del “candeggio” (impropriamente detto
“sbiancatura”) non è una causa volontaria ma indiretta del trattamento igienizzante, come avviene per il cotone idrofilo (succederebbe lo stesso se ci si lavasse i capelli con l’acqua ossigenata o con il cloro).

CONCLUSIONI WIP
I pannolini sono un prodotto altamente tecnologico studiato per andare incontro alla necessità del genitore di ridurre le difficoltà nella cura del bambino e che, però, non si preoccupano affatto dei problemi quali il surriscaldamento dovuto al contatto dei filtranti in polipropilene, che come tutti i materiali plastici surriscalda e diventa abrasivo. Altro problema del surriscaldamento è che crea un fertile terreno batterico, che si genera quando i pannolini vengono tenuti addosso per ore: le feci e le urine sono materiale organico che in un ambiente umido e caldo diventa ambiente ideale per lo sviluppo delle flore batteriche.
Il primo ostacolo per la produzione di pannolini sicuri ed ecologicamente compatibili siamo “paradossalmente” proprio noi genitori.
In linea teorica ci impegniamo a tutelare la salute dei bambini con ogni mezzo, ma nella pratica scegliamo pannolini che assorbono tutto e altri prodotti monouso, accattivanti e di grande comodità, con grande soddisfazione delle multinazionali che conoscono bene il marketing e gestiscono l’80% di un mercato mondiale da 100 miliardi di pannolini l’anno. Le multinazionali hanno tutto interesse a tenerci all'oscuro di tutto “per evitarci ulteriori preoccupazioni oltre quelle del duro vivere quotidiano”.
File allegati
Tipo di file: pdf cambiare-pannolino.pdf‎ (2.23 MB, 1522 visite)
__________________
Appena registrati, leggere lo scopo del forum e come dovrebbe essere l'utente ideale!
Rispondi quotando
  #6 (permalink)  
Vecchio 07-28-2008, 08:24 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jul 2008
Messaggi: 3
predefinito

I gdiapers invece sono biodegradabili completamente (sembra).
Sul loro sito dicono che si possono gettare nel WC oppure in una buca in giardino ed in 50-150 giorni vengono completamente assorbiti.
Non rimane che provarli...
Rispondi quotando
  #7 (permalink)  
Vecchio 07-28-2008, 11:41 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Jun 2007
Messaggi: 4
predefinito

Però i commenti che si trovano in giro non sono troppo positivi: si accenna spesso a delle perdite, delle difficoltà di tenuta.

Sembra che funzionino meglio invece i Nature Babycare di cui ti do il link al sito ufficiale:
http://www.naty.com/

Comunque li trovi su http://www.diapers.com/ insieme ad altri 1800 tipi e marche, e per ognuno di essi vi sono anche i commenti degli acquirenti: buona lettura!!
Rispondi quotando
  #8 (permalink)  
Vecchio 07-29-2008, 01:01 AM
Administrator
 
Registrato dal: Jun 2007
Messaggi: 647
predefinito

Non è proprio rilevante con la discussione, ma ho trovato un articolo del National Geographic che spiega il perchè non usare pannolini usa e getta.
Se qualcuno avesse per caso voglia di tradurlo così da poter farlo leggere a tutti, il link è qui:
http://thegreenguide.com/reports/product.mhtml?id=45
__________________
Appena registrati, leggere lo scopo del forum e come dovrebbe essere l'utente ideale!
Rispondi quotando
  #9 (permalink)  
Vecchio 07-29-2008, 01:13 AM
Junior Member
 
Registrato dal: Dec 2007
Messaggi: 9
predefinito

E i Moltex non li conosce nessuno?
Mi sembra che li avessero ritirati dal mercato, ma ora sul sito li vendono e pubblicizzano che dai primi di ottobre, i loro pannolini saranno sempre più ecologici e naturali.
Da quanto ho capito però, non sono compostabili ma solo prodotti con materiali ecologici.

Quote:
  • è prodotto nel pieno rispetto dell’ambiente e della salute del bambino, perchè non è trattato chimicamente per lo sbiancamento della cellulosa e non vengono utilizzate resine sintetiche altamente inquinanti.
  • è un ritorno all’antico, perchè sicuro come il pannolino di cotone utilizzato dalle nostre nonne.
  • è costituito da fibre di pura cellulosa vegetale e protegge la pelle del bambino in maniera naturale.
  • è assolutamente anallergico ed evita qualsiasi forma di dermatite e arrossamento.
  • ha una forma anatomica corretta, chiusure laterali confortevoli e regolabili perciò possiede un’ottima vestibilità.
  • le alette laterali guidano l’umidità direttamente al centro per una protezione ottimale degli indumenti.
  • ha un cuscinetto ultrassorbente, rapido e sicuro che trattiene la pipì in modo eccellente.
  • è raccomandato da tutte le mamme soprattutto quelle che amano la natura.
Rispondi quotando
  #10 (permalink)  
Vecchio 07-31-2008, 03:39 PM
Junior Member
 
Registrato dal: May 2008
Messaggi: 14
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da campero Visualizza il messaggio
I gdiapers invece sono biodegradabili completamente (sembra)
Ti sbagli, questi che dici hanno la mutandina in plastica che viene riutilizzata più volte mentre viene cambiata solo la parte direttamente a contatto con la pelle: quest'ultima si che è biodegradabile.

Invece un pannolino completamente riciclabile è Safeties Nature Nappy:
http://senevens.com.au/index.php?opt...d=25&Itemid=37

Fossi in te li proverei entrambi.
Per principio è meglio il gdiapers perchè vi sono meno sprechi ma bisogna valutare poi la praticità, altrimenti il secondo.

Tienici aggiornati!
Ciao
Venere
Rispondi quotando
  #11 (permalink)  
Vecchio 10-22-2008, 02:01 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Aug 2007
Messaggi: 6
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da campero Visualizza il messaggio
sono biodegradabili completamente (sembra).
Sul loro sito dicono che si possono gettare nel WC oppure in una buca in giardino ed in 50-150 giorni vengono completamente assorbiti.
Non rimane che provarli...
Probabilmente dicono nel WC perchè in america hanno le tubature diverse che da noi: da noi non si può perchè le tubature sono piccole (vale la storia del tritarifiuti). Tantomeno poi si può buttare nella raccolta dell'umido, anche se il pannolino è completamente biodegradabile (stesso discorso per gli assorbenti); questo per un problema di carattere sanitario, dal momento che questi prodotti possono contenere inquinanti patogeni che possono compromettere la qualità del compost e del biogas prodotto dal Polo Ecologico. Rimane comunque la buca nel giardino dove boterli buttare, ma questo vuole dire che sei a casa e quindi potresti utilizzare anche i lavabili. Morale: se i lavabili non riesci (che rimane al momento la soluzione ottimale) devi scegliere quelli che sono più ecologici nella produzione, che utilizzano meno energie e materia prima (Quali saranno poi?) Se poi sono anche ecologici, male non fa (neanche alla discarica) e sei sei a casa, invece che nella spazzatura li getti nella buca in giardino
Rispondi quotando
  #12 (permalink)  
Vecchio 04-27-2009, 05:53 PM
Junior Member
 
Registrato dal: Apr 2009
Messaggi: 1
predefinito Lotties e naturaè

Noi utilizziamo i Lotties durante il giorno, sono i classici pannolini lavabili in cui l'unica cosa che si butta (dentro il wc) in caso di evacuazione è il velo raccogli feci, per la notte usiamo i naturaè della wip che sono biodegradabili oltre l 80%, sono molto comodi ed hanno una tenuta fantastica davvero ottimi, basta usarli una sola volta per accorgersi della differenza con i tradizionali u.e.g. a lungo andare si può notare la totale assenza dei classici arrossamenti e/o irritazioni da pannolini "chimici".
I materiali utilizzati sono cellulosa mater-bi e pla in rete ci sono un paio di e-shop molto efficienti che li vendono a prezzi concorrenziali con quelli "classici"

I Lotties sono i classici lavabili dalla buona tenuta e dalla discreta praticità, come tutti i lavabili bisogna farci l'abitudine ma alla fine sono davvero una ottima scelta.




Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are attivo


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Esperienze, terapie e farmaci per le metastasi da melanoma pinuccio Medicina 21 10-18-2013 02:14 PM
Guadagnare con la pubblicità: esperienze con Google AdSense? belisma Informatica 1 12-09-2009 02:07 PM
Esperienze mononucleosi: quali i sintomi e come comportarsi principessa_sissi Medicina 5 04-01-2009 09:30 PM
Prodotti / accessori ecologici austinsteve Ecologia 5 01-04-2009 03:07 PM
Diaperfreebaby: come far vivere i bambini senza pannolini Deps Consumo Critico 5 08-30-2007 11:42 AM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 04:08 AM.


© Copyright 2008-2022 by Web Agency Reggio Emilia - Marco Ghisi - Via Pellegrino Spaggiari, 30 - 42122 Reggio Emilia RE IT - P.IVA 02309010359 - Privacy policy - Cookie policy e impostazioni cookie